La pigrizia, l'ozio e l'arte della critica. - www.Vallata.org

La pigrizia, l'ozio e l'arte della critica.

_______________________________________

     Il pigro, pur sapendo analizzare e nella consapevolezza del significato, si impegna a fare poco e paradossalmente gli da anche fastidio colui che fa.
     ╚' una pratica frequente che distrugge o marginalizza ogni iniziativa protesa a costruire qualcosa.
     Se non combattuta adeguatamente distrugge tutto e nessuno se ne pu˛' chiamare fuori....
     Finanche Dante associava la pigrizia all'ignavia e disprezzava tali persone fino al punto di impedirne l'ingresso nell'Inferno...
     "Non ragioniamo di loro ma guarda e passa"
     ######
     L'ozio potrebbe anche rappresentare il meritato riposo di chi ha dato e si manifesta stanco.
     Serve per meditare e per cercare utilitÓ nelle parole e nei messaggi che una persona stanca pu˛ trasmettere agli altri.
     ╚' sicuramente un privilegio di chi pu˛ permetterselo e rappresenta comunque un segnale di libertÓ.
     Nelle letterature antiche, sempre attuali, viene considerato come il padre dei vizi....
     ######
     L'arte della critica e' la capacitÓ che hanno i saggi di poter esprimere opinioni di merito....
     Solitamente si associa e trova legittimazione nelle persone di cultura.
     Allo stesso tempo e' la facilitÓ con cui si esprimono gli ignoranti e diventa il comune denominatore delle persone mediocri e limitate.

     Non parlo dell'arte del fare in quanto Ŕ in contrapposizione con quanto scritto....e ciascuno di noi combattendo pigrizia, ozio e critica riuscirÓ a trovare un impulso positivo.


    Vallata, lý 28 Luglio 2013

Fabio Arminio

__________________________________________

Pagina Precedente Home