- Proverbi Vallatesi - A cura del Prof Severino Ragazzo

- Detti inediti ricavati anche da racconti locali -

A cura del Prof Severino Ragazzo.
__________________________________________


avscia ca ndpp' - ( abbassati perch puoi sbattere- un consiglio specie per chi alto di statura di chinarsi quando attraversa aperture piuttosto basse )

stpa ru pne p la vicchija - ( conserva i beni per la vecchiaia- anche un modo per favorire il risparmio e a volte succede che la persona non se lo pu pi godere )

ah si lu Patatrno mavsse rto ntu vrazzdd- ( ah se il padre eterno mi avesse dato un altro braccio- di colui che non riesce a compiere un'attivit con le due braccia e ne invoca dal Padreterno un terzo )

mnn rsse ron Ptre, mnn ri czzo rispunnve Ccca la Rssa! -( mondo disse don Pietro, mondo di cazzo rispose Francesca la Rossa di due persone la prima che si affida al fato e la seconda alla volont degli uomini per spiegare certi accadimenti)

mste, piglite - ( appena piantate, rubate oppure appena piantate, si sono vitalizzate - stesso modo di dire per indicare due cose diverse )

mo chi ci ru dce a chst? -( adesso chi lo riferisce a costui? difficolt di comunicare una notizia, specie se dolorosa, ad una seconda persona )

tarricrd a tndnn addrte? -( ti ricordi a tanti anni indietro oppure ti ricordi toccando allindietro- stesso modo di dire per indicare due cose diverse )

pne ri qunici jrn', la fmmena na vleta lu mse, vno ri tre nn' e cmp' cintnni -( pane di quindici giorni, la donna una volta al mese, vino di tre anni e campi cento anni- una filosofia della vita tipica della societ contadina )

la fmmena pi lu c..zzo rivnda pzz', lmmen' pi la fssa rivnda fsso -( la donna per il cazzo diventa pazzo, luomo per la fessa diventa fesso- come l'ossessione del sesso fa a volte dimenticare la ragione )

mi pre na pentta ri Foggia ( mi sembra una penitente di Foggia - qui forse il riferimento alle donne che venivano rinchiuse a Foggia in convento per riabilitasi da colpe commesse. Anche delle vallatesi ne erano coinvolte )

je furnt' ri mte e r scugn' -( hai finito di mietere e di raccogliere - riferimento a chi ormai impossibilitato a compiere determinate attivit )

a la fra r Lini , prma ljni e po li muntni - ( alla fiera di Lioni, prima gli agnelli e poi i montoni- noto il riferimento all'uso alimentare che si fa dell'agnello e quindi alla sua appetibilit )

sngh' scit a la fra, pi vir' cm ra, mggi' vennto la mla e ru hrno, mggi accattt' lu zucutu-zu - ( sono andato alla fiera, per vedere comera, ho venduto la mula e il grano, mi sono comprato lo strumento musicale- pur di soddisfare lo sfizio di comprare uno strumento da suonare nella societ contadina del baratto si era disposti ad alienarsi anche beni primari )

fermte lu bllo, cdda piscj' la zita - (fermate il ballo perch deve urinare la sposa - di un vallatese che era solito dire che il giorno del matrimonio la sposa pu soddisfare ogni suo desiderio anche quello di fermare il ballo perch deve assolvere ad un bisogno naturale )

a lu pscje futtutore, le ndoppa lu ple - (al peggiore approfittatore disturba il pelo)

se me vutte bn' e se no, me terte lu ple chi lungh - (se mi votate bene e se no, mi tirate il pelo pi lungo - che strana considerazione del candidato rispetto allelettore !)

mo me ne vaco lento lento e me frech pure lu sacramento - rice lu sacrestano.
E s ! e jo ropp' rico la messa cu lu cazzo responne lu prevete - (adesso me ne vado lentamente e mi rubo pure il sacramento - dice il sacrestano / e s ! e io dopo dico la messa con il cazzo - risponde il prete )

che tje mangiat scje ? m'ggje mangiat grzija re Djo cott a ru fuch - (che ti hai mangiato oggi ? ho mangiato grazia di Dio cotta sul fuoco - di chi rispondeva cos per non far conoscere i propri fatti di casa )

tricncoli e tricincoli, vengh a la casa re mmmeta e che me rje ? / nu salzcch, rispunnive lt' / nu salzcch ncul a mammeta e tricncoli e tricincoliripiglije lu primo - (una filastrocca con un dialogo a due dove la domanda sempre la stessa e la risposta cambia continuamente )

gi ca..zzo t: mm fatt lu cnem re ri crjature ! riceva z Affonz Cuch - ( era costui , a Vallata, il gestore di un cinema che ha funzionato fino agli anni 60 e a volte capitava che nella sala erano pi i minori che gli adulti )

tard candast ! - (tardi hai cantato ! detto che vuole significare di essere arrivato in ritardo )

lisci lisci, lu cne nci pisce, la htta nci caca e belle mazzate - (allisci allisci, il cane ci urina, la gatta ci caca e belle mazzate, portando le mani a fianco alle guance - filastrocca tipica per tenere interessato il bambino e farlo cos distrarre )

rre lu fesse, cve visto lreva frescka  - (ride il fesso perch ha visto lerba fresca - lepiteto che storicamente hanno coniato maliziosamente per i vallatesi gli abitanti dei paesi vicini )

vje truvnn a Maria Perrone - (vai cercando a Maria Perrone - per dire di chi va cercando qualcosa difficile da trovare - Perrone era un cognome e soprannome tipico di Vallata )

si ci ni vulimm sci ci ni sciamm, si nun ci ni vulimm sci nun ci ni sciamm scienne - ( se ce ne vogliamo andare ce ne andiamo, se non ce ne vogliamo andare non ce ne andiamo andando - esempio didattico di un tipico scioglilingua del volgare vallatese )

ri sambuca qund' ne vje, ma la mosca te l ancapp' tu - (di sambuca quanto ne vuoi, ma la mosca te la catturi tu - qui confuso il chicco di caff con lanimale insetto )

tini n ti dje glimmiri e vje ricenn' ca furnut' lu fil' - (tieni altri due gomitoli e vai dicendo che finito il filo- una allegoria che mette a confronto gli organi genitali con i gomitoli del filo )

Pare lu giuvir mmizz a lu murct' - (sembra il gioved in mezzo alla piazza- in Baronia solo a Vallata si svolge il mercato settimanale al gioved )

scinnaro, fibbraro, marzo, abbrile, maggio, marzo catamarzo, abbrile catabbrile, maggio catamaggio e tutt' lu mese re maggio - ( la conta di nove mesi al posto di cinque da parte della donna partoriente per accontentare il marito diciamo noi alabbunt' cio un po semplicione )

che stje facnn' ? stongh pittann' l acquila - (che stai facendo ? sto pittando lacquila - tradizione a Vallata nella processione del venerd santo portare come mistero lo stendardo dellaquila romana per il quale c laspirazione di ogni partecipante ad avere il privilegio )

un, du, Manfurre Manfurre ! riceva listruttore. Avanti marcia e nu stambaton' ncul' ! Rispunnva Manfurre - (uno, due, Manfurre Manfurre! diceva listruttore / avanti marcia e un calcione nel sedere ! reagiva Manfurre - sfott e contro sfott nella esercitazione militare organizzata dai balilla durante il ventennio nel giorno di sabato - Manfurre un soprannome locale )

Jmm a chi s mangit' lv' ! - (si sbrighi chi si mangiato l uovo- di un proprietario terriero che redarguiva i mietitori della paranza dopo aver dato un uovo a ciascuno e di nascosto agli altri )

fc' lart' re Galasso: mangia, veve e vje a spass' - (fa larte di Galasso: mangia, beve e va a spasso- di persona che vive senza responsabilit pensando solo ai piaceri )

a snz' tu me ftt', ma a forza no ! - (a intelligenza mi superi ma a forza no- paradosso in cui il proprietario dellasino ritiene di essere pi forte dello stesso e meno intelligente )

st matt' re Vaddata receva lu trevicano a lu vaddatare.
Trevecan', mangia patan', lppel' ncul' e lu ccen' nmano - respunneva lu vaddatare
- (questo matto di Vallata, diceva il trevicano al vallatese / trevicano divoratore di patate, il tappo nel sedere e il recipiente in mano, rispondeva il vallatese- ancora fino ad una cinquantina di anni fa, ogni paese esaltava il proprio campanile, il proprio blasone a dispetto di quello dei paesi vicini per cui la rivalit era inevitabile )

e stto crijatur' qunn' nat ? addummannje lu marit.
E chist supirch- rispunnje la mugliera
- (e questo altro bambino quando nato ? domand il marito / e questo soperchio, rispose la moglie- in una famiglia numerosa un figlio in pi non faceva tanto effetto )

ra ca lu ciucc' nun passa, sadda sec' nu poch - (di qua lasino non passa si deve tagliare un poco- di un sindaco che volle misurare la larghezza della strada facendo passare un asino con le nache-le culle- ai fianchi del basto )

post re blocch, maresciall' Tabbscje - (posto di blocco, il maresciallo Tabbscje - di un vallatese con tale soprannome che durante il contrabbando del periodo della seconda guerra mondiale, vestendosi da militare, intimava i contrabbandieri a consegnargli la merce. Ma, scopertone il trucco, fu riempito di mazzate in quantit )

'na vleta s'impiccje Ciola, mo nun s'impicca chi! - (una volta si impicc Ciola, adesso non si impicca pi!- di chi ha sbagliato una volta e non ricade nello sbaglio per la seconda volta).

Stje sempe 'nu mtt' c'accr' a 'n'tu mtt' - (c' sempre un matto che uccide un altro matto!- per dire che a volte le liti avvengono tra persone che hanno le stesse caratteristiche)

vre, ron P(ppe), ca tne la vrachetta spundta e l'aucidd' si n' vult'! Caro z'Ast' a me si n' vult' ma a te ve ra tand' timpe ca murt' e nun vola chi! (vedi, don Peppe, che tieni la chiusura dei pantaloni aperta e l'uccello se ne volato!- caro zio Augusto, a me se ne volato ma a te da tanto tempo che morto e non vola pi! - lo sfott reciproco dove l'ironia la fa da padrona e dove vengono toccati argomenti un po riservati )

e che l'acqua va port' co' cicc'? (e che l'acqua ve la porto con l'asino?- di un candidato che all'elettore che in cambio del voto ha chiesto il servizio dell'acqua, risponde ironicamente di portarla con l'asino)

ma a 'stu paese l'lber' appren' ra nu jrn' a 'n't'? ( ma in questo paese gli alberi spuntano da un giorno all'altro?- di una persona che aveva fatto un incidente sbattendo con l'auto su un albero e che non si ricordava l'esistenza)

e a terra carv' cum' a 'nu pro! (e a terra cadde come una pera- di un bravissimo professore, il migliore negli ultimi cinquanta anni, che spiega la Divina Commedia e commenta cos in vernacolo la perdita della visione di Beatrice da parte del sommo poeta Dante Alighieri )

emb! se nun ce ne stnn' pe' me, nun ce ne stnn' pe' nisciuno! (ebbene! se non ce ne sono per me, non ce ne sono per nessuno- di una persona che mette l'interesse proprio sopra quello degli altri)

padr(ne)! Tu me pare cum' a la massara ri Fattobene: a la matina prst' prst', a lu jurn' trotta trotta e a la sera 'nu pcch' a nott'! (padrone, tu mi sembri come la casa di Fattobene: alla mattina presto, di giorno trotta trotta e alla sera un poco a notte !- di un dipendente che illustra l'approfittarsi che fa il datore di lavoro nell'azienda nei suoi confronti )

padr(ne)!: una o tutt' e dje? - tutt' e dje! (padrone una o tutte e due?- Tutte e due!- di un dipendente che chiede di fare una cosa sola o due cose insieme e il padrone che lo invita a farle tutte e due contemporaneamente)

dott'! Ve ru dco ma nun ve la pigljt' a male, stte propie cum' a 'nu ca...zzo! (dottore, ve lo dico ma non la prendete a male, state proprio come un ca...zzo!- di una persona che si arrogava la capacit di indovinare la posa di un altro senza poterlo osservare direttamente con gli occhi, ma che poi ridicolizzava il mal capitato scherzando col sesso )

Ih che festa fann' 'st cafun'!- e chist' so' fest'! (guarda che misera festa fanno questi cafoni!- e queste sono feste!-di una persona che fa il suonatore di banda e che dapprima disprezza la festa e poi la esalta, evidentemente confortato benevolmente dai maestri organizzatori).

E che ca...zzo! Mo vje ver' ca cu' 'nu sputzz' ri lu mije, s'arruina tutta la frutta tje? ( e che diamine, adesso vuoi vedere che con un mio sputacchio, si rovina tutta la frutta tua?- di chi ha commesso una cosa lieve seppure deprecabile e di chi si lamenta di aver avuto un grosso danno )

nun desdera Filicidd'! (non desidera il piccolo Felice!- di una persona che faceva ritrosia verso il mangiare offerto dagli altri e che trovandosi solo si divorava tutto il cucinato )

e chest' e no! E chest' t' e no! Mo che t'aggia coce 'na cap' re ca..zzo? (e questo no! e quest'altro no! adesso che ti debbo cuocere una testa di ca...zzo?- di un ristoratore che presenta il men ad un cliente che rifiuta ogni piatto proposto e la rassegnazione del primo che si rifugia nella banalit della battuta )

vje stte facenn' 'nu vistt' pe' 'na pirsona c'adda camp' o pe' una c'adda mur'? (voi state facendo un vestito per una persona che deve campare o per una che deve morire?- di un committente di un vestito che chiedeva ai due sarti associati che tipo di prodotto stavano confezionando)

zi pr(vete)! Virte ca lu cappdd' stje sturt'!-oh z! accuss' adda st'! (zio prete, vedete che il cappello sta storto!-o zio, cos deve stare!- di una persona devota che vuole dare un suggerimento e del prete rassegnato che non vuole sentire ragione)

oi fatua fatua ri visazzra! nu' ru sje che a Vaddata lu cistu lu chimene la cscina? (o ingenua di bisaccese, non lo sai che a Vallata il cesto lo chiamano 'cscina'?- un esempio di come differiscono le lingue dialettali tra un paese ed un altro)

avssev' vst' 'nu ciucc' re legname crech' re tvele? (avete visto un asino di legno carico di tavole?- domanda di una persona che sottende l'equivoco tra un asino finto ed uno vero)

caro padre! mnnem' 'na cosa re sold', ca pe' la Maronna vngh'!- caro figlio! si pe' la Maronna nun vni tu quo, pe' Ges Cristo vengh' jo lco! (caro padre, mandami un po di soldi che per la festa della Madonna vengo!- caro figlio, se per la Madonna non vieni tu qua, per la festa di Ges Cristo vengo io da te!- il contrasto tra il figlio e il padre dettato dallo stesso stato di necessit in cui i due si vengono a trovare)

e chest' serve sul' pe' sciacqu' la vott'! (e questo serve solo per pulire la botte!- di una persona che identifica lo stomaco ad una botte)

pais': scimm' a mangi', ca se turnmm' a Vaddata e truvmm' ca quaccn' murt', l'amma chiange e restmm' pure risciun'! (paesano: andiamo a mangiare, perch se torniamo a Vallata e troviamo che qualcuno morto, lo dobbiamo piangere e restiamo pure digiuni!- la preoccupazione di soddisfare il bisogno alimentare, dopo aver svolto un certo lavoro prima che un imprevisto mandi tutto all'aria)

ma cme, cu' lu vinticinch' uttv' e l'asse nun cre? (ma come, con il venticinque ottavo e l'asso non cade?- di una persona che nel gioco del tre sette a carte, non si spiegava come con il venticinque ottavo l'asso non cadeva; la verit era che l'avversario aveva bleffato)

z pr(vete)! ra ca nun se sent'! (zio prete! da qui non si sente!- della persona che nel confessionale risponde di non sentire la voce del prete che lo sta confessando per non manifestare i propri segreti)

ma qual' ettogramm' e chilogramm' te rje a te! jo sccje sul' re tmmel', mizztt' e misre! (ma quali ettogrammi e chilogrammi vuoi tu! io conosco solo tomoli, mezzetti e misure!- di una persona che alle unit di misura di peso universalmente accettate preferisce quelle in uso in agricoltura)

vr' ca tu lu giurnl' lu tn' a la stort'!- chi spe legge', legge a l'addrtt' e a la smersa! (vedi che il giornale lo tieni all'incontrario!-chi sa leggere, legge di diritto e di rovescio!- la presunzione di chi pretende di leggere un giornale pur tenendolo capovolto)

s(no) bne 'ste cersa?- si, s' bne, ma nun songh' cum' a re mje! (sono buone queste ciliege?- Si, sono buone, ma non sono come le mie!- la presunzione di chi pensa che il proprio frutto sia sempre migliore di quello degli altri)

e mo basta z pr(vete)! ca la vigna la zapp' jo! (adesso basta zio prete! perch la vigna la zappo io!- del chierichetto che si rifiuta di mettere altro vino nel calice durante la messa, adducendo il motivo che lui a coltivare la vigna)

piglitt' 'na lemba re terra, la scitttt' 'ncimm' a l'lber' e carve 'nu quintale re nuc'! (presi una zolla di terra, la gettai sull'albero e cadde un quintale di noci- l'esagerazione nel descrivere un fatto; a volte si portati ad amplificare per meglio destare stupore e meraviglia)

statt' attint' a mmmeta, riceva lu mast' murator' a lu riscpel'- ma picch zi' m'(st)?- Picch mammeta se tn' a tneta! (stai attento a tua madre, diceva il maestro muratore al discepolo apprendista- ma perch maestro?- Perch tua madre si mantiene tuo padre- lo spirito dello sfott non aveva limite quando si trattava di giocare sulle cose personali degli altri)

Si nun vje nnt', vattnn' e nun te fa' chi vir' (se non vuoi niente, vattene e non farti pi vedere- di chi volendo dare un dono ad una persona cara, se lo vede rifiutato e per questo le toglie pure il saluto)

(l'agnello alla pecora): snt' m', vre ca tu si vecchia e 'n' tu poch' tu ja mur'- (senti mamma, vedi che tu sei vecchia e tra poco tu devi morire)
(la pecora all'agnello): vre caro figlio, ca 'n' tu poch' vne Pasqua e sttt' attnt' ca nun te fnn' la festa!- (vedi, caro figlio, che fra poco Pasqua e stai attento che non ti facciano la festa- un modo per dire che a volte le disgrazie avvengono indipendentemente dall'et)

vre Nic' ca 'sta rota, 'stu pastran' l'accattje lu tata ri tatanonno, ca lu passje a tatanonno, tatanonno lu rve a tata, tata lu rve a me e jo, zijno tje, lu rongh' a te ca mi si nepte! (vedi Nicola che questo mantello lo compr il padre di mio nonno che lo dette a nonno, nonno lo dette a mio padre, mio padre lo dette a me ed io che sono tuo zio lo do a te che mi sei nipote- qui si esalta da un lato la longevit generazionale e dall'altro quella di una cosa ben conservata nel tempo)

__________________________________________

Pagina Precedente Home