''Nugae et alia. N░6'' - Di Antonio Cornacchia
Nugae et alia.
N░6
____________________________________

"L'inizio
della vecchiaia
dolcemente
mi sfiora e
mi accarezza"

Versione latina:
"L'incipit
senectutis
levitar
me tangit".

A m˛ di commento: "La vecchiaia fin quando la si pu˛ vivere in sanitÓ di corpo e di mente Ŕ una bella stagione, gli affetti sono riposanti, il miele che distillano si pu˛ gustare con lentezza ed assaggiare l'anima col futuro che ci avanza."
Anonimo.

"La poesia
soffio
di libertÓ
e messaggio
di amore
nell'universo
si diffonde".

Versione latina:
"Poesis
flatus
libertatis
et amoris
nuntius
universitate
rerum
agitur."

A mo' di commento: Adorno affermava "dopo Auschwitz scrivere una poesia Ŕ barbaro" significando che il nazismo, negando l'uomo aveva ucciso anche la poesia. Il poeta Celan che nel lager aveva perduto padre e madre, precisa che la poesia in virt¨ della sua essenza e non della sua tematica Ŕ una scuola di umanitÓ vera.

Antonio Cornacchia    
__________________________________________

Pagina Precedente Indice Home