''Lu m'rcat r' Vaddat'' di Gennaro Ciampolillo
Lu m'rcat r' Vaddat

Vuj sapit' il giovedý
Quanta gent' arriva qui!
Ra V'sazz' e Formicos
p'accattars' qualche cos.

Ra Carif' e ra tr'vic
li cristian, nun t' ric!
Se ti serv'una bevanda
proprio in centro staj "Wanda"

N'amarena cu la pann'
se la vuoi, vai ra Giann'
Ra Michele, bene o mal'
truovi tutt' li giurnal';

a sinistra c'Ŕ Ninetta
orecchin' e braccialett';
orologi e catenell'
lÓ vicin' ... Matinell'.

Sient' fam'? Si affamat!
Qui da sempre trovi "Ada"
Nu panin' cu salam'
E t'pass' pur la fam'.

Se non vuoi la confusione
scendi gi¨, c'Ŕ soluzione
al "bar Sport", Gianni e Tatiana
e ti bevi una tisana.

Stann' giÓ ra la matin'
cummirciant'e marocchini;
staj chi venn' e staj chi accatt'
staj chi spenn' e chi cuntratt'.

Facj call', oppur chiov',
ogne cosa qua s'trov'
scarp', frutt', pann', magl',
p'marit', figli e mogli

tazz' forbici, tianell'
c'n 'stanni bancarell'
che t'serv'nu calzon'?
Tras rint a nu furgon'

A qualcuno piace il pesce?
Qui lo trova all'arriesce
SarÓ frischk o congelato
Ma ci staj a st m'rcat'.

Non Ŕ tutta sciccheria
ma mi dici, in Baronia
and˛ truov' accussý bell'
Cint'naj r' bancarell'?

M˛ tu ric' che a Vaddat'
Stann' sulament matt'.
Ma Ŕ vist' che m'rcat
E che robb che t'accatt'?

 

Rino Ciampolillo

__________________________________________

Pagina Precedente Indice Pagina Successiva
Home