''AMEN'' poesia per zio tony di Gennaro Ciampolillo
AMEN
(poesia per zio tony)

MARONNA MIA. QUANT'ANN' SO' PASSAT'
LI BELLI JURN' STANN' ORMAI SCURDAT'.
MA STANN' TUTT' QUA,...CHE NUSTALGIJ
STAMPATý 'NCOPP' A ST' FOTOGRAFIJ.

IO,TORN' ARRET' ARRET' E MI RIVEDO
QUANN'ERO NU CRIATUR' E NUN CI CREDO,
VICIN' A NU TRICICL' BIANC' E BLU
ORMAI ,P'RDUT' E CHE NUN TROV' CHIU'.

NU BELL'MAZZ' CU R'TRATT' SPENT'
T'NUT' ASSIEM' RA NA MOLLA LENT'.
QUA, SO' V'STUT' P' LA CUMM'NIONE
E QUA CA TIR' CALCI A NU PALLON'.

ECCO QUEST'ATA, ANDO' STAJ NONNA E ZIA
VICIN' A L'UORT',SOTT' A CASA MIA.
ECCO LA TERZA,MENTRE STO ALL'ASILO,
ADDOSSO UN GREMBIULINO CHE M'INFILO

E SFOGLIA SFOGLIA CE NE STANN' TANT',
NE VEDO UNA DEGL'ANNI SESSANTA:
NU' GRUPP' R' STURIENT' ,A PRIMAVER',
CU' AGNESE CA MI PIGLIJ P' MUGLIER'.

CAMPO SPORTIVO! SEMPRE ANNI SESSANT',
VEDO GLI AMICI E CE NE STANN' TANT',
TUTT' UAGLIUN',CHIN' R' B'LLEZZ',
VEDERLI ADESSO...OHI MAMMA CHE TRISTEZZ'.

SFILANO ALTRE...OH L'UNIVERSITA'
E QUESTA BIANCA E NERA CHE SARA?.
FACEVO IL BERSAGLIERE,IL MILITARE
SUL MARE DI SALERNO,COSI' PARE.

SCORRO VELOCE SOPRA FOTO E ANNI
TANTE LE GIOIE E POCHI ,ALLOR, GLI AFFANNI.
ARRIVO AL CENTRO,DEL MAZZO DELLE FOTO,
ANNI OTTANTA,RIVEDO IL TERREMOTO.

DA LI' LE STAMPE NON SARANNO LIETE,
TANTE MACERIE...FINE DELLA QUIETE.
CI SONO CASE A TERRA SON DISTRUTTE
NON CE LA FACCIO A RIVEDERLE TUTTE.

MI SON RIVISTO,FIGLIO,MARITO,PADRE
CON TUTTA LA FAMIGLIA E CON LA MADRE
MA PER LO STRANO CASO DEL DESTINO
NON AVRO' MAI FOTO DA NONNINO.

E COMPARO , CON TRISTEZZA INFINITA,
IL VIVERE... ALLA FOTOGRAFIA:
OGNUNO, FA DA SOLO LA SUA VITA,
TI FANNO QUALCHE SCATTO ED E' FINITA.

CHE BELLI IUORN' QUANN'ER' PICCIRIDD'
MO' SENT' INVECE SULAMENT' FRIDD'.
GUARD' A L'ARIA ,IN CIELO..STAJ CHIUVENN',
CHIUR' STU PACC', SUSPIR' E DICO:AMEN.

 

Rino Ciampolillo

__________________________________________

Pagina Precedente Indice Pagina Successiva
Home