''Parla Spelacchio. '' di Gennaro Ciampolillo

Parla Spelacchio.


M'avete dato er nome de Spelacchio,
in verita' m˛ me so' rotto er cacchio:
la colpa nun Ŕ mia che stavo bene
ma der cojone che taglio' le vene.

Vivevo bello, verde e rigoglioso
ora me sembro n'arbero lebbroso
e dopo tagli , colpi e tanti viaggi
voi accusate me e pure Raggi.

M'avete fatto foto in mille pose
dicendomi sortanto brutte cose
perˇ pure se spoglio e rinsecchito
sur web tante vorte so' finito.

E grazie a me ce so' tanti turisti
che arberi cosÝ mai hanno visti
e sono io pi¨ fotografato
de mý fratello a SanPietro 'mpalato.

Percio' che cosa faccio io de male
lassateme tranquillo : Ŕ Natale.
Ar massimo io arivo alla Befana
e po' se carmera' sta gran buriana.

Fate er giretto pure intorno ar tronco
e nun pensate solo che so' monco,
tra poco moro e non sono balle,
sparisco, ma ve lascio ste du' palle

Sarˇ fatto de legno ma capisco
che so' scuse per attaccare er Fisco;
so' per Virginia tutte queste botte
ma Lei Ŕ troppo tosta e se ne fotte.

Perciˇ amico mio, romano bello
nun te scagliare contro l'alberello,
se sei persona seria e nun sei pazzo,
tanti auguri e nun me rompe er cazzo.
 

Gennaro Ciampolillo

 

__________________________________________

Pagina Precedente Indice Pagina Successiva
Home