''Dopo le Feste.'' di Gennaro Ciampolillo

Dopo le Feste.

Al trentuno di dicembre,
ogne anno, come sempre
staj chi more e staj chi nascj,
chi vi rest e chi ci lascj.

Sto parlando io degli annn
che pian pian stan passann
mentre noi ,che coglioni,
prepariamo i gran cenoni.

E cosi tra pranzi e cen'
uno vaj e n'at ven'
e sparam mille bott'
quann sona mezzanott.

Poi domani, al primo giorno
tu ti guardi tutt'intorno
e capiscj, scunsulat,
che quist'ann Ŕ cum a l'at'.

E consideri tu pur,
quella massa d'augur',
o mandati o ricevut
a che cazz' so' sirvut.

Quante cose augurate
or si son realizzate?
Soldi, pace e la salute
rimm tu se n'hai avute?.

I telefoni riempiti
di messaggi inauditi:
palle, suoni e canzuncin'
ra la sera a la matin'.

Ma giÓ oggi sul giornale,
si rilegge,ben o male
sempre quelle vecchie storie:
guerre, tasse, sparatorie.

Ed allora caro amico
ti saluto e te lo dico
i natali e capodanni
son finiti da tant'anni.

Or son feste e abbuffate
che veloci son passate
e cu tutt stu burdell
chi ci pensa al Bambinello?

Da domani corri in Post
aumentano l'impost,
son finite feste e ball.
Sopra l'albero le palle.

E riprende poi il discorso:
forse meglio l'anno scorso
che cumunque, perlomeno
avevamo un anno in meno.
 

Gennaro Ciampolillo

 
__________________________________________

Pagina Precedente Indice Home