''Neve Contadina.'' di Gennaro Ciampolillo

Neve Contadina.

Se vedo i bianchi fiocchi
che scendon lentamente,
non so cosa mi tocchi
nel cuore…nella mente.

Mi porta questa manna,
con tanta nostalgia,
indietro… dalla mamma
a casa, in Baronia.

Non sogno ad occhi aperti,
i posti più alla moda
e statene più certi
non vado a far la coda.

La neve di Cortina,
sarà più ricca e bianca
ma è da cartolina
e dopo un po' ti stanca.

La neve ch’io rammento,
è quella contadina;
a volte un gran tormento
sulla montagna irpina.

"Sotto la neve…pane!",
sentivo dir così
mentre per settimane
ti costringeva lì.

Copriva in poche ore
quei vicoli già stretti
e ti puliva il cuore
quel chiaro sopra i tetti.

I poveri alberelli,
stecchiti tutti quanti,
sembravano più belli,
coperti di diamanti.

La neve porta…piano
di mamma le sue voci
"Stasera che mangiamo?:
olive…pane…noci."

Ritorno con quei fiocchi
ad essere bambino,
vicino a quattro ciocchi,
intorno ad un camino.
 

Gennaro Ciampolillo

 
__________________________________________

Pagina Precedente Indice Home