Vallata - Felice Garruto - La Còste re Nase. - La Costa re Nase. -

La Costa re Nase.
(La Còste re Nase.)

A cura di Felice Garruto
______________________

La Còste re Nase

Pe ffóre, tanda timbe fa, ce scève tanda
ggènde, re cchiù a lu timbe re la metènne.
La sèra quånne sunåve vendequatt’òre
tutte nźime se turnåve a lu paèse,
cume fusse na prucessjòne.
A cavadde a lu ciůcce o a la sciummènda,
se parlave sèmbe re cóse bbèlle.
Stève pure chi se la facève alappire,
purtånne ngémma a re mmóšche
nu fåssce re lèvene re spine.
Tutte nźime se rerèva e sse parlave
addrète a lu ciůcce ca a la nghianata
pe nninde speretjave.
Róppe re la chiana re Curnåcchie,
prima re la nvurcatura re la vèja,
stèva nu pessciature
ndó li ciůcce se ferrmavene p’addurǻ
e sse quèra cósa suspettàvene,
tutte nźime se mettèvene a rraglià.
Che ccungirte! Alde, vassce,
sembrave la bbande re Catecatassce.
Cchiů nnanźe a la crucevèja,
chi nu’ ndenèva vèstja cangiava vèja
ep e la Còste re Nase s’inghianava.
Arrevate a lu spånneture a mmèzza còste
se f'ermavene nu mumènde pe ffà sóste
e ttirate ra la sacche lu maccature
s’assucåvene la faccia prima
e po la sůlze che scinneva ngule.
Pe lu rìste re la veja
se recèvene nu såcche re f’essaréje
Nnande a Sante Ròcche,la cappella
tůtte se levàvene la còppela pe nu mumènde
e pprehanne cétte cétte ndò la mènde
pe lu jurne apprisse
se rèvene appundamènde.

La Costa re Nase

Per la campagna, prima andava tanta
gente, di più al tempo della mietitura.
La sera, al suono delle “24”ore,
tutti insieme si rientrava in paese,
come in processione.
A cavallo all'asino o alla giumenta
si parlava sempre di cose belle
C'era pure chi andava a piedi,
portando sulla schiena
un fascio di spine per il fuoco.
Tutti insieme si rideva e si parlava,
dietro all'asino che alla salita
ogni tanto scoreggiava.
Dopo il tratto piano di “Cornacchia”,
prima della biforcazione della strada,
stava un urinatoio,
dove gli asini si fermavano ad annusare
e se quella cosa sospettavano
tutti insieme si mettevano a ragliare.
Che concerto! Alto, basso,
sembrava la banda di “Catecatassce”
Più avanti,alla biforcazione
chi era a piedi cambiava strada
e se ne andava per la Còste di Nase.
Giunti allo spånneture, a metà costa,
si fermavano per un minuto a sostare
e tirato dalla tasca il fazzoletto
si asciugavano la faccia prima
e l’eccessiva sudata che bagnava il lato B
Per la restante strada
si dicevano un sacco di sciocchezze
Davanti la cappella di S.Rocco
tutti si toglievano il berretto per poco
e pregando sottovoce nella mente
per il giorno dopo
si davano appuntamento.


Felice Garruto

__________________________________________

Pagina Precedente Indice Home