Vallata - Felice Garruto - Modi di dire. -

Modi di dire
Parte Sesta
A cura di Felice Garruto

_______________________________________

Cché,la půrtə cchiů nnandə tů?
“Che,la porti più avanti tu!?”

Cché,sə ffegl’a la addina janga,tů!?
Perché,sei figlio a la gallina bianca tu!?”
Sign.;Hanno tutti gli stessi diritti//Sin.;

Cə l’ammə fattə résəla résəla
Ce l’abbiamo fatta appena appena”

Cə l’avə cu mmé!
Ce l’ha con me!”

Cə vòlə la manə rə Ddejə!
“Ci vuole la mano di Dio”
L’espressione vuol dire che per superare talune difficoltà abbiamo bisogno dell’aiuto di Dio.

Cəsənà rə bòttə.
Dare tante botte (a qualcuno),da ridurlo in fin di vita”

Chi è callə è malatə,chi è frèddə è nnammurotə.
Chi è caldo è malato, chi è freddo è innamorato”

Chi la vòlə cott’è cchi la vòlə crurə.
Chi la vuole cotta e chi……cruda”.

Chi sa chi ciůcc’è mùrtůə!
“Chissà quale asino è morto!”.
Usiamo l’espressione per esprimere meraviglia per un avvenimento che non ci aspettavamo si verificasse.

Chi tènə nasə tènə crjanzə.
“Chi tiene naso,tiene creanza”.
E’ il modo di dire del nasone,allo scopo di difendersi per l’appellativo scherzosemente appioppatogli.


Felice Garruto

__________________________________________

Pagina Precedente Indice Home