Vallata - canzoni e ballate -

 Canti Popolari Vallatesi 

Tratto da "Poesie Pensieri e Massime" di Lorenzo Rocco Di Meo

Canzoni Popolari

La patrona mija

La padrona mia, "nuova" vestita, sembra una palomba che vola; sentimentale, con dolce canto, nel chiamare le proprie galline.

 
 E tnte' n'gge vste stammatna ma la patrna nu' la vc' ancra; l'avssi vst tu l'amre mjo, mi la sapssi r' la bna nva.
E tante ne ho visto questa mattina, ma la padrona non la vedo ancora; hai visto tu l'amore mio, me la potresti dare la buona notizia. 
je qund' blla la patrna mja qunno si mtte la hunndda nva; gra attrn' attrn' a la massarja, mi pre 'na palmma qunn'abbla.
Oje quanto bella la padrona mia quando si mette la gonnella nuova; gira intorno intorno alla masseria, mi pare una palomba quando vola. 
Qund' bll' a Pa' l'amre vicno, si nu' la vri la sndi ri cand' elasndi qunno chima la haddna:
"Cta cutlla" mja vin' a mangi'.
Quanto bello fare l'amore vicino, se non la vedi la senti di cantare e la senti quando chiama la gallina:
"Cta cutlla" mia vieni a mangidre.
Patrna mja cndi 'sse haddne ca qu'nci mnca lu mgliu capne, quru ca tne la pnna turchna, lu capurle ri lu battagline.
Padrona mia conta coteste galline perch qui manca il meglio capone, quello che tiene la penna turchina, il caporale del battaglione.
E cnda e cnda la patrna mja qunno si mtte la hunndda nva, ja 'na f'esta pi' la massarja a vir' 'sta palmma qunn'abbla.
E conta e canta la padrona mia quando si mette la gonnella nuova, una festa per la masseria vedere questa palomba quando vola.
E smpe vla 'sta palmma mja
sn' a lu clo cu' la vsta nva,
a la cpa mi vne 'n'albascja
e 'stu cre cu' la patrn'abbla.
E sempre vola questa palomba mia sino al cielo con la veste nuova, alla testa mi viene una fan tasticheria e questo cuore con la padrona vola.


Amanti 'ngiuriosi

Colloquio d'amore fra due innamorati e la madre di lei, con risultato amaro per l'innamorata e la madre di lui.

 (innam.) Uagn rinndd' a mmmita si tne lu pijacre ca qunn' ja crj a sra jo l'amre vnc' a fa'!
(innam.) Ragazza di' a tua madre, se tiene il piacere che quando sar domani sera io l'amore verr a fare.
(figlia) E snza ca vje e bbni l'va nun matra, jo snco 'na crijatra nun mi pzzo spus' m'.
 (figlia) E senza che vai e vieni l'uva non matura, io sono una creatura non mi posso sposare ora.
(mamma) j figlia, cre ri mmma tu nun ti fa'cunfnne, qur'ja nu vahabnno vje ricnne ca vl 'a t.
(mamma) Oj figlia, cuore di mamma, tu non ti far confondere, quello un vagabondo va dicendo che vuole te.
(innam.) Tinattlla tu 'ssa figlia crisciattll'a la caggila, pre vne quru jrno ca ti lssa e si n'abbla.
(innam.) Tinitela tu cotesta figlia, crscitela nella gabbia, pure verr quel giorno che ti lascia e se ne vola.
(mamma) jo la vglio bne assje 'na rsa la figlia mja e nun accunzndo mje ca 'nu Fesso si la pglia.
(mamma) Io la voglio bene assai una rosa la figlia mia e non acconsento mai che un fesso se la piglia.
(innam.) j mannggia la sfurtna ca m' vne apprss'a m 'nci stnno rje uagnrde ca nu' re pzzo mandin
(innam.) Oj mannaggia la sfortuna che ora viene appresso a me, ci sono due ragazze che non le posso mantenere.
(mamma) Tu uagn' falla firnta e cu' m nun ti vand', qure s' crna vinnta e chi nun mi fa' parl'.
(mamma)Tu, ragazzo, la devi far finita e con me non ti vantare, quelle sono carni vendute e pi non mi far parlare.
(innam.) Ma s 'dje figlile blle ca ti fnno pazzij', slo tu(ne) cu' 'sta figlia qunda msse sje fa'.
(innam.) Ma sono due figliole belle che ti fanno scherzare, solo tu con questa figlia quante mosse sai fare.
(figlia) Vje putte av' raggine ma la mja la passjne, la luvmmo l'accasijne prsto scimmin' a spus'.
(figlia) Voi potete aver ragione, ma la mia la passione, la togliamo la discussione presto andiamo a sposare.
(innam.) Va' a fa' 'ncl' a mmmita jo nun ti vglio chi, la fine c'' ftto mmmita la stje facnne pre tu.
(innam.) Va' "a fa' 'nculo" a tua madre io non ti voglio pi, la fine che ha fatto tua madre la stai facendo pure tu.
(mam.) E rinnddo pur'a mmmita ca 'sta zza ja firnta, cu''na rzza ri curnti, nun vulmmo apparind'.
(mamma) E dglielo pure a tua madre che questo intrigo finito, con una razza di cornuti non vogliamo apparentare.

PARTE II
SERENATE

Canti vari che i giovani rivolgevano a notte fonda alle innamorate, secondo il fine prefisso (richiesta di mano, risveglio, invito e passione, sperato amore, suoni e tormenti, avances, zmpa cardillo, commiato).

Richiesta di mano

 Bna sra patrna ri csa rmmi la sggia mi vgli'assitt', crco 'na pnna e 'nu calamro lu nme vstro mi l'ggia 'mpar' lu nme vstro mi vglio 'mpar' e bna sra e filicit.
Buona sera padrona di casa dammi la sedia mi voglio sedere, cerco una penna e un calamaio il nome vostro me lo devo imparare. Il nome vostro mi voglio imparare e buona sera e felicit.
Chjno chjno musra m'accosto cara signra a la hrzija vstra, si mi la rte la figlia vstra cm' a 'na rsa la vglio tin. Cm' a 'na rsa, cm a 'nu gglio, cme la mmma vl bn' a la figlia.
Piano piano stasera mi accosto cara signora alla grazia vostra, se mi date la figlia vostra come una rosa la voglio tenere. Come una rosa, come un giglio, come la mamma vuol bene alla figlia.
Snco vinto e snc' arrivto nnnz' a 'sta prta mi s' firmt, jo vi cansco pi' gnde bna, pi' l'amiczia vulsse cand'. Pi' l'amiczia e prim' amore 'sta majtinta vi vglio fa'.
Sono venuto e sono arrivato innanzi a questa porta mi sono fermato, io vi conosco per gente buona, per l'amicizia vorrei cantare. Per l'amicizia e primo amore questa serenata vi voglio fare.
Mi ni vnco candnne, candnne pi' ti prt' 'sta nva canzne, qur'ja trppa la passijne e ki si vle ri t scrd'.
Rmmi la mno, nnna ri cre, e jo ti cndo 'stu cndo r'amre.
Me ne vengo cantando, cantando per portarti questa nuova canzone, perch troppa la passione e chi si vuole di te scordare.
Dammi la mano, nenna di cuore, e io ti canto questo canto di amore.

Pompa Cardillo

jo lu tnco 'nu bllu cardllo di qunt' cse l'ggia 'mpar', l'ggia 'mann' 'nd qust' e qura, l'ammasciatlla mi l'dda f'. L'ammasciatlla mi l'dda f', zmpa cardllo e p' l'rija v'. E lu cardllo pecch lu tnco, jo lu tnco pe' pazzij'.
Io ho un bel cardillo e quante cose gli debbo "imparare"; lo devo mandare da questa e quella l'ambasciata me la deve fre. L'ambasciata me la deve fare, salta cardillo e per l'aria vai. E il cardillo perch lo tengo, io lo tengo per scherzare.
jo lu tnco 'nu blle cardllo, ma chllo vaje 'ndo zmpa zmpa, e l'cchj nri e caplli bindi, si l'nno ftto 'nnammor'. je nnna n, je nnna n, zmpa cardllo e pi' l'rija v'. E 'stu cardllo mzzo 'ncazzso, mo' si ne vje 'nd lu purtso.
Io ho un bel cardillo ma esso va saltellando in qua e in l, e gli occhi neri e capelli biondi lo hanno fatto innamorare. Oje nenna n, oje nenna n, salta cardillo e per l'aria vai. E questo cardillo, met irato, ora se ne va dentro al buco.
Zmpa 'mmzz'a lu ptto tjo, nd s'nte rje fundanlle, na bivta ri 'ss'cqua blla rmmi qunno mi l'ggia fa'. E rmmi qunno mi l'ggia f' ca snza vve nun pzzo st'. E lu cardllo pecch lu tnco, jo lu tnco per pazzij'.
Salta in mezzo al petto tuo, dove sono nate due fontanelle; una bevuta di codesta acqua bella dimmi quando me la debbo fare. E dimmi quando me la debbo fare, perch senza bere non posso stare. E il cardillo perch lo tengo, io lo tengo per scherzare.
Ah! Tu rrmi 'nd 'ssu ltto, ma jo cnto alla sirna, e re spezzmmo 'st' catne si la vj fa' l'amre cu' me. Amre cu' te, l'amre cu' me la ntte nun drm' e pnzo a te. je nnna n, je nnna n, zmpa cardllo e pi' l'rija v'.
Ah! Tu dormi dentro codesto letto, ma io canto con un buon tempo, e spezziamo queste catene se vuoi fare l'amore con me. Amore con te, l'amore con me, la notte non dormo e penso a te. Oje nenna n, oje nenna n, salta cardillo e per l'aria vai.
E 'stu cardllo pecch lu tnco, jo lu tnco per pazzij', je nnna n, je nnna n, 'mzz' a ri cosse te l'ggio appuggi'.
E questo cardillo perch lo tengo, io lo tengo per scherzare; Oje nenna n, oje nenna n, in mezzo alle gambe te lo devo appoggiare.

PARTE III
CANZONI INGIURIOSE


Canti ingiuriosi per lei e per lui a causa di dissidi amorosi e promesse d'amore svaniti.

Per Lei

je nnna n, je nnna n quru c'je ftto l'ja pah'!
Oje nenna n, oje nenna n quello che hai fatto lo devi pagare!
Lu sno ri 'stu rugantto a m mi pre 'na mezza bnda, jo ti n'ggia rce' tnde ca nun t'ggia fa' mmarit'.
Il suono di questo organetto a me pare una mezza banda, io te ne devo dire tante e non ti devo far maritare.
je qunda si' fatta nra ca tu mi pri 'na ciminra, nun zja mje mi fssi muglira qunda btte vulsse av'.
Oje quanto ti sei fatta nera e tu mi pari una fornace, non sia mai mi fssi moglie quante mazzate vorresti avere.
Oje nnna n, je nnna n ftti mnica e nun mi 'nguaj'!
Oje nenna n, oje nenna n! fatti monaca e non mi rovinare.
Tu figlila lu vcchjo amnde m' livattllo ra la mnde, e pi' la vja ri lu cunvndo tu sla sla ti n'ja sc'.
Tu, figliola, il vecchio amante ora lvatelo dalla mente, e per la via del convento tu sola sola te ne devi andare.
'Mmizz' a la vja stje 'nu chippo ognno ca psse fce 'na 'ndcca, tu blla mja l'je rt'a tutti slo cu'm(ne) vje fa' li ptti.
In mezzo alla via c' un pioppo ognuno che passa fa un intacco, tu bella mia l'hai dato a tutti solo con me vuoi fare i patti.
Oje nnna n, je nnna n fatti mnica e nun ci pinz'!
Oje nenna n, oje nenna n! fatti monaca e non pensarci.
E 'ncimm' a lu camjpanro m' snco nte re cicute, tu fccia vrde 'ngualanta nun pje fa' l'amore cu' m.
E sopra il campanile ora sono nate e cicute, tu, faccia cadavrica, non puoi fare l'amore con me.
Ti si' psto a f(ne) l'amre e tni la mcca ca ti cla, qunno tu vje pi' pazzij' 'ncimm' a re scrpe la faj arriv'.
Ti sei messa a fare l'amore e tieni il moccio che ti cola, quando tu vai a scherzare sopra alle scarpe lo fai arrivare.
Anima e cre ti si' minta rnd'a 'nu hvito ri trumbta lu prco mjo nu' l'' vuluta e slo tu ti la si' mangita.
Anima e cuore ti sei gettata dentro ad un trgolo di pastone, il porco mio non l'ha voluto e solo tu te lo sei mangiato.
Oje nnna ne, je nnna n quru c'je fatto l'ja pah'!
Oje nenna n, oje nenna na quello che hai fatto lo devi pagare!

Per Lui

La libirt, la libirt pi' l'amre 'ngalra si v!
La libert, la libert per l'amore in galera si va.
Pizzo ri fsso pi' f' l'amre 'nci vle 'nu pcca ri fandasja, si' cne jnco ri massarja la caccirjla nun pi't!
Pezzo di fesso per fare l'amore ci vuole un po' di fantasia, sei un cane bianco di masseria la cacciagione non per te!
Sttti ctto ciccio ca rgli nun zje rce' mzza parola, vni 'nd m e ti fzzo scla ti 'mpro bne n' ri parl'.
Stai zitto asino che ragli non sai dire mezza parola, vieni da me e ti faccio scuola ti "imparo" bene nel parlare.
E sttti ctto ciccio ca rgli m' ti porto ru fno e la pglia, p' t'attcc' a la mangiatra ti vnc' assglie' qunn' ja l'ra.
E stai zitto asino che ragli ora ti porto il fieno e la paglia, poi ti lego alla mangiatoia vengo a sciglierti quando l'ora.
je cafne ca ri la trra mi l'je rtta la pirticra, e si' 'nu buno tarpinle je vglia m(ne) ri skav'.
Oje cafone che ari la terra me l'hai rotta la prtica, e sei una buona talpa hai voglia ora di scavare.
'Sta canzone ca je candta jo nu' l'ggio mnco sindta, e brtto cne zinzilso tu cu' m nun ti pje appar'.
Questa canzone che hai cantato io non l'ho nemmeno sentita, e brutto cane straccione tu con me non ti puoi "apparare".
E mi ni vco jumra jumra 'nd ca stnno re prte chitte tu la tni la fccia ri mtto nun zi' 'n'mmine tu pi' m.
E me ne vado torrente torrente, dove ci sono le pietre piatte, tu tieni la faccia di matto non sei un uomo tu per me.
E ri tni re crna lnghe mi pri 'nu vve pi' la fra nun zi' bno a camp' muglira e nun ti pje mtte' cu' m.
E tu tieni le corna lunghe mi pari un bue per la fiera, non sei buono a campare moglie e non ti puoi metter con me.
Ti l'je Patta 'na mangita ri tagliardde e trijddi tsti tnila pnza cm' a 'nu rspo cu'' na stampta ti l'ggia skatt'.
Ti hai fatto una mangiata di tagliatelle e cavatelli duri tieni la pancia come un rospo con una zampata te Li devo far scoppiare.
Ti l'ggia skatt', ti l'ggia skatt' e l'ggia prde' la libirt. La libirt, la libirt ma pi' l'amre 'ngalra si va.
Te la devo far scoppiare, te la devo far scoppiare e debbo perdere la libert. La libert, la libert ma per l'amore in galera si va.

PARTE IV
TARANTELLE

Ballate ritmate.

Vurrja sagli 'ncilo

'Sta blla tarandlla vurrja ball' cu' t, mammannna fece a mmma / j n, n, n! Mammannna fce a mmma / e mmma ha f'att' a m.
Questa bella tarantella vorrei ballar teco, nonna fece mamma / !oje n, n, n! nonna fece mamma / e mamma ha fatto me.
Figlila m' mi ni vnco psso, psso 'nnnd'a la prta tja / je n, n, n! 'nnnd'a la porta toja / a pigli' pussesso.
Figliola ora me ne vengo passo, passo davanti alla porta tua / oje n, n, n! davanti alla porta tua / a pigliar possesso.
Vurrja sglie' 'nclo si putsse cu' 'na scaldda r'ro / je n, n, n! cu'' na scaldda ri / tricndi passi.
Vorrei salire in cielo se potessi con una scaletta d'oro / oje n, n, n! con una scaletta di / trecento passi.
'Rivss' a la mitte e si spizzsse e 'mbrzz' a la mja blla / j n, n, n! e 'mbrzz' a la mja blla / jo carsse.
Arrivato a met se si spezzasse in braccia alla mia bella / oje n, n, n! in braccia alla mia bella / io cadrei.
Vurrja rinvid' 'nu surcddo pi' ti f' 'nu vucchilcchio / j n, n, n! pi' ti f' 'nu vucchilcchio / a la hunndda.
Vorrei diventare un sorcetto per farti un bucherello / oje n, n, n! per farti un bucherello / alla gonnella.
Tndo cavutarrja cu' 'stu mussllo fin' a k la truvarrja / je n, n, n! fin' a k la truvarrj a / la sanginlla.
Tanto caverei con questo musetto, fin quando la troverei / oje n, n, n! fin quando la troverei / la sancinella.

Lu pastore fesso

Lu pastre ra la Pglia vne, vne frisknne qunno / je n, n, n! vene frisknne qunno / s'abbicna.
Il pastore dalla Puglia viene, viene fischiando quando / oje n, n, n! viene fischiando quando / si avvicina.
Si ni vne 'ncp a la quinicna si mtt' a tccia a taccia / je n, n, n! si mtt' a tccia a tccia / cu' lu cippne
Se ne viene all'inizio della quindicina, si mette vicino vicino / oje n, n, n! si mette vicino vicino / con il ceppo.
Ke mi ni vglio f' ca jo s' blla martimo pastre / je n, n, n! martimo pastre / e nun abblla.
Cosa me ne voglio far ch'io son bella, mio marito pastore / oje n, n, n! mio marito pastore / e non balla.
Trn' a la sra pi' la 'mmutatra e si ni vj' a l'ra / je n, n, n! e si ni vj' a l'ra / ri matutna.
Torna a sera per cambiarsi e se ne va all'ora / oje n, n, n! e se ne va all'ora / del mattino.
E viri qund' fsso 'stu pastre ca penze chi a re pcure / je n, n, n! ca penze chi a re pcure / ca'll' amre.
E vedi quanto fesso questo pastore pensa pi alle pecore / oje n, n, n! pensa pi alle pecore / che all'amore.
Vni ti crchi, pzzo r'animle, ca ntte t'ggio ftto / je n, n, n! ca ntte t'ggio ftto / re linzle.
Vieni a coricarti, pezzo di animale, perch pulite ti ho fatto / oje n, n, n! perch pulite ti ho fatto / le lenzuola.
Ke mi ni vglio f' ri 'ssu curc(ne) ggio rumste re / je n, n, n! ggio rumste re / pchire sle.
Cosa me ne voglio far di cotesto coricare ho lasciato le / oje n, n, n! ho lasciato le / pecore sole.
Ke mi ni vglio f' ri 'sse linzle, lu ltto mjo ja slo / je n, n, n! lu ltto mjo ja slo / lu prizzne.
E che me ne voglio far di codeste lenzuola il letto mio solo / oje n, n, n.' il letto mio solo / il giaccone.
Pvir' a m, si spzzica lu cre, tu vre qund' fsso / je n, n, n! tu vre qund' fesso / 'stu pastore.
Povero me, si distacca il cuore, tu vedi quanto fesso / oje n, n, n! tu vedi quanto fesso / questo pastore.

A muntifrsca

E mi ni vglio sc(ne) a Muntifrsca truv(ne) mi la vglio / j n, n, n! truv(ne) mi la vglio / 'na frascajla.
E me ne voglio andare a Montefrasca, trovare me la voglio / oj n, n, n! trovare me la voglio / una "frascajla".
Nun mi ni'mprta ai nun tne frsca bsta ca tne la / j n, n, n! bsta ca tne la / candna frska.
A me non importa che non ha frasca, basta che ha la / oj n, n, n! basta che ha la / cantina fresca.
E mi vglio sc(ne) a lu Cilnto mi vglio sc' a pigli' / j n, n, n! mi vglio sc' a pigli' / 'na Cilintna.
E me ne voglio andare nel Cilento, voglio andare aprendere / oj n, n, n! voglio andare a prendere / una Cilentana.
Nun mi ni'mprta ca nun tne nnde bsta ca tne la / j n, n, n! bsta ca tne la / hunndda sna.
A me non importa che non tiene niente, basta che tiene la / oj n, n, n! basta che tiene la / gonnella sana.
Ijo tnco 'nu paglir' a la mundgna, rmmi' na mno blla / j n, n, n! Rmmi 'na mno blla / mija cumpigna.
Io tengo un pagliaio alla montagna, dammi la mano bella / oj n, n, na! Dammi la mano bella / mia compagna.
E mi ni vglio sc(ne) e tu mi tne cu 'na catna lnga / j n, n, n! cu na catna lnga / mi' ncatne.
E me ne voglio andare e tu mi tieni, con una catena lunga / oj n, n, n! con una catena lunga / mi incateni.
Mi ni vglio sc(ne) a re fundanlle 'nd si ni vnno re / j n, j n! nd si ni vnno re / dnn' a lav(ne).
Me ne voglio andare alle fontanelle, dove se ne vanno le / oj n, oje n! dove se ne vanno le / donne a lavare.
E scglie' mi la vglio la chi blla e mtte' mi la vglio / j n, je n! e mtte' mi la vglio / 'nnnde cavllo.
E scegliere me la voglio la pi bella, e mettere me la voglio / oje ne, oje n! e mettere me la voglio / davanti sud cavallo.
Ttti m'nna rce': Qund'ja blla! 'Nd l'j fatta 'sta / j n, je n! nd. l'je ftt 'sta / caccirijla.
Tutti mi devono dire: quanto bella! dove hai fatto cotesta / oje ne, oje n! dove hai fatto cotesta / cacciagione.
L'ggio f'att' a re prti ri la Majlla e 'nd la nve nun / j n, je n! e 'nd la nve nun / zi lva mje.
L'ho fatto nelle parti della Majella e dove la neve non / oj n, oje n! e dove la neve non / si leva mai.
Nun zi lva ri vrno e n ri stte mnco lu mse ri / j n, je n! mnco lu mse ri / la primavera.
Non si toglie n d'inverno e n d'estate, nennneno nel mese della / oj n, oj n! nemmeno nel mese della / primavera.
E mi ni vglio sc(ne) e tu mi tne cu' 'na catna r'ro / j n, je n! Cu' 'na catna mi / 'ncatni lu cre.
E me ne voglio andare e tu mi tieni con una catena d'oro / oj n, oj n! con una catena mi / incateni il cuore.

Lu Vicchio

L'lbiro scco tgli ra lu pre a 'n'me vcchio nu' / je n, je n! a 'n'me vcchio nu' / li r' muglira.
L'albero secco tglialo dal piede, a un uomo vecchio non / oje n, oje n! a un uomo vecchio non / dare moglie.
Cu'' nu pinzro si crc' a la sra chi rispirto s'lza / je n, je n! chi rispirto s'lza / a la matna.
Con un pensiero si crica a sera, pi disperato si alza / oje n, oje n! pi disperato si alza / alla mattina.
Nun ti pigli' lu vcchio ca ti mre pgliti a quru ca / je n, je n! pgliti a quru ca / ti cnda e sna.
Non ti pigliare il vecchio perch ti muore, pigliati colui che / oje n, oje n! pigliati colui che / ti canta e suona.
Lu vcchio eia smile a la fica ca ccce fume assie / je n, je n! ca ccce fume assie / e vmpa mca.
Il vecchio come la legna del fico, che emette fumo assai / oje n, oje n! che emette fumo assai / e vampa niente.
Qunno s'abbja p' ti sc a spus(ne) lu vcchio gi accummnza / je n, je n! lu vcchio gi accummnz' / a 'nciampic(ne).
Quando si avvia per andare a sposarti, il vecchio gi incomincia / oje n, oje n! il vecchio gi incomincia / ad inciampare.
E qunno pglia la vja ri lu ltto la tsse lu strafca / je n, oje n! la tsse lu strafca / e strnge 'mptto.
E quando piglia la via del letto, la tosse lo soffoca / oje n, oje n! la tosse lo soffoca / e stringe in petto.
ke bbje muglira mja ca ti fazzo si Crsto m've luvto / je n, je n! si Crsto m've luvto / lu putre.
Che vuoi moglie mia ch'io ti faccia, se Cristo mi ha tolto / oje n, oje n! se Cristo mi ha tolto / la forza.
Si vje la vsta nva ti la fazzo ri quru pnno ca / je n, je n! ri quru pnno ca / lce a la sra.
Se vuoi la veste nuova te la faccio, di quel panno che / oje n, oje n! di quel panno che / splende alla sera.
Nun bbglio vsta nva e n palazzo 'nu uagnne vglio / je n, je n! 'nu uagnne vglio / ca m'abbrzza.
Non voglio veste nuova e n palazzo, un giovanotto voglio / oje n, oje n! giovane voglio / che mi abbracci.
E qunno 'stu uagnne l'ggio avto lu vcchio mi lu mtto / je n, je n! lu vcchio mi lu mtto / a la culta:
E quando questo giovanotto l'ho avuto, il vecchio me lo metto / oje n, oje n! il vecchio me lo metto / all'ammollo:
lu vicchio mi lu mtto / je n, je n! lu vicchio mi lu mtto / a lu tavto.
il vecchio me lo metto / oje n oje n! il vecchio me lo metto / nella bara.


Pagina Precedente Home