Vallata - ''ETNOMUSICA A VALLATA'' A cura del Prof Ragazzo Severino -

ETNOMUSICA A VALLATA

A cura del Prof Ragazzo Severino

    A fianco ai fatti economici, sociali, religiosi, agli usi e costumi nonch a circostanze particolari di cronaca, a Vallata nata e si sviluppata nel tempo una cultura popolare che, in mancanza di mezzi moderni di trasmissione quali registratori, radio, televisori, computer e reti informatiche stata tramandata prevalentemente per via orale.
    Oggi quasi la totalit delle canzoni e delle musiche della cultura popolare tipica della societ contadina vallatese stata raccolta e sistemata sul piano letterario da vari scrittori locali: Tommaso Mario Pavese, Domenico Cicchetti, Rocco Di Meo , Archidiacono Francesco.
    Verso la fine degli anni ottanta fiorisce la ricerca documentata attraverso la registrazione sonora con tre stereo-cassette: il duo della Baronia zompa cardillo e canti della Baronia a cui il sottoscritto ha contribuito con la ricerca.
    Sono in commercio due CD con parte prima e parte seconda che contengono gli stessi pezzi delle cassette e una selezione di canzoni e musiche si trova sul sito www.vallata.org.
    Non mancano in giro spezzoni di video che mettono in evidenza anche i costumi caratteristici.
    Ancora restano da sistemare, specie nella ricerca musicale canzoni che rischiano diversamente di scomparire definitivamente.
    Ci si posti spesso la domanda se la musica sottesa alle canzoni della cultura popolare di Vallata sia autoctona oppure ha subito una qualche contaminatio.
    Certamente sia nellidioma che nelle cadenze musicali la canzone vallatese ha delle sue peculiarit rispetto agli altri paesi.
    Tuttavia ritengo che per secoli essa ha avuto linfluenza delle culture popolari della regione Campania ma anche delle regioni viciniori; daltra parte col fenomeno della transumanza i contadini e i pastori anche vallatesi si dovevano confrontare con le realt abruzzesi, pugliesi e lucane.
    Attraverso una canzone nata come poesia e composta dal sottoscritto e presentata al festival di Barletta nel 1983 dal gruppo folk della scuola media di Vallata con il titolo di Vaddta nstra dimostriamo con gli spartiti redatti dal prof. Gerardo Ragazzo che sono possibili tre tipi di esecuzioni con tendenze musicali vallatese, campano-pomiglianese e lucana, questultima molto presente anche in altri brani musicali quali mazurche, polche e tarantelle
.

___________________________________


Vaddta nstra

nje smmo ri Vaddta
e scimm a la scla mdia
nje stmmo prpie nguajti
ci mnca l istituto (ritornello: ohj nnna n ohj nnna n
                                            rndo ke scla avmma st)
ci chimene cafn
picch smmo poverddi
a ttti st signri
mannmmr o stringitro

smm rumsti sli
vicchitt e criatr
li mglje snco sciti
a lstero pi furtna

vulmmo lu lavro
vulmmo la dignit
vulmmo lu lavro
pi ci put camp.


-VALLATA NOSTRA-
noi siamo di Vallata / e andiamo alla scuola media / noi stiamo proprio inguaiati / ci manca listituto / ci chiamano cafoni / perch siamo poverelli / a tutti questi signori / mandiamoli alla pressa / siamo rimasti soli / vecchietti e creature / i migliori sono andati / allestero per fortuna / vogliamo il lavoro / vogliamo la dignit / vogliamo il lavoro / per poterci campare-

___________________________________

DAL DUO DELLA BARONIA

tarantlla vaddatra

lu ciccio lu nchianv lu cirso
lu ciccio lu nchianv lu cirso
li cni sabbuffven ohj n n n
li cni sabbuffven ri la rsa

figlila lcqua vj ra lcqua vni
figlila lcqua vj ra lcqua vni
tu nghj lu varrlo ohj n n n
tu nghj lu vrrlo e jo t mpnno

jo t mpnno ca si piccirlla
jo t mpnno ca si piccirlla
ancra lje firn ohj n n n
ancra lje firn li quinici nni

ca ri firnsci ahst a la vrinngna
ca ri firnsci ahst a la vrinngna
tu s la spsa mja ohj n n n
tu s la spsa mja ra quo a cnt nni

ca si nu lu fj lu aliznna
ca si nu lu fj lu aliznna
ri te nu mi ni scrd ohj n n n
ri te nu mi ni scrd ri mje netrno

sra mi calj stta mmma
sra mi calj stta mmma
virtt na haddna ohj n n n
virtt na haddna ttta pnne

ca jo rictt ke cs ja qusta
ca je rictt ke cs ja qusta
e quist lu chicco ohj n n n
e quist lu chicco nd sappnn attnita

affccit a la finstra e taddummnno
ke je bella mja ca mje rrmi
ti mtt accnt a m ohj n n n
ti mtt accnt a m ti fje nu snno

e tu figlila cu ss cddu trt
e tu figlila cu ss cddu trt
lcqua ca st rnt ohj n n n
lcqua ca st rnt appuzzunta
chijnqua vne ci cre malte

nu m chijamte vrpa marila
nu m chijamte vrpa marila
nnnda la prta tja ohj n n n
nnnda la prta tja mi fzzo la tna

a m li cacciatri m nno minto
a m li cacciatri m nno minto
jo snco vrpa ohj n n n
je snco vrpa e nu mi fzzo ncpp(ne)

si ti lu vje accatt mo mi lu vnno
si ti lu vje accatt mo mi lu vnno
lu ke lu ke lu ke ohj n n n
lu ke lu ke lu ke lu campanllo

ca jo nu mi lu vnno pi rinri
ca jo nu mi lu vnno pi rinri
lu rco a nnna mja ohj n n n
lu rco a nnna mja pi pazzij(ne)

a Rsa ggio rtto e Rsa vglio
a Rsa ggio rtto e Rsa vglio
si jo nu mi la pglio ohj n n n
si jo nu mi la pglio mi lu tglio
lu ke lu ke lu ke lu cannarne

-TARANTELLA VALLATESE-
lasino saliva il ciliegio / e i cani si abbuffavano di risate / figliola a riempire lacqua vai e dallacqua ritorni / tu riempi il barile e io ti impongo / io ti impongo perch sei piccolina / ancora devi finire i quindici anni / che li finisci ad agosto alla vendemmia / tu sei la sposa mia da qua a cento anni / che se non fai cambio pensiero / di te io non mi scordo mai in eterno / ieri sera mi calai sotto a mamma / vidi una gallina tutta penne / e io le domandai che cosa questa / questa il cappio a cui si impicca tuo padre / affacciati alla finestra e ti domando / che hai bella mia che mai dormi / ti metti accanto a me e ti fai un sonno / e tu figliola con questo collo duro / lacqua che sta dentro imputridita / chiunque viene qui cade malato / non mi chiamate volpe mariola / davanti alla porta tua mi faccio la tana / a me i cacciatori mi hanno mirato / io sono volpe e non mi faccio acchiappare / se te lo vuoi comprare io me lo vendo / il che il che il che il campanello / che io non me lo vendo per denari / lo do alla bella mia per pazziare / a Rosa ho detto e a Rosa voglio / se non mi piglio a Rosa me lo taglio / il che il che il che il cannarone

___________________________________

la quadriglia cummannta

attenzin
cavalri e sunatri
qusta la quadrglia
chi la lss e chi la pglia
e chi la prde la pha
e snza rinri
nun lassmmo si nun piglimm
attenzin
e mo vne
e mo pssa
ccola qua
nu sbaglimm
addrtto addrtto caval(ri)
ognncu la prpria dma
cntr ancra caval(ri)
smpe contr
nu sbaglimm
lascimmla smp addrtto
una lss e nta pglia
attenzin
e cu la prpia dma
e qunn arrva
mo maffccio
mo vi ru dco
smpe contr caval(ri)
cntr ancra
ccola qu
a Vddata
a Trivche
a la Scampetdda
allhre allhre caval(ri)
nu sbaglimm
na dma lss e n ta pglia
slline
stto vrzz
a spus caval(ri)
a la uardise cavali(ri)
smpallhre caval(ri)
qust lu bllo ri vintiquattre
e mo saccummnza

-LA QUADRIGLIA COMANDATA-
Attenzione / cavalieri e suonatori / questa la quadriglia / chi la lascia e chi la piglia / e chi la perde la paga / e senza denari / non lasciamo se no prendiamo / attenzione / e adesso viene / e adesso passa / eccola qua / non sbagliamo / a dritta a dritta cavalieri / ognuno con la propria dama / al contrario ancora cavalieri / sempre al contrario / non ci sbagliamo / lasciamolo sempre a dritta / una lascia e unaltra prende / attenzione / e con la propria dama / e quando arriva / adesso mi affaccio / adesso ve lo dico / sempre al contrario cavalieri / ancora al contrario / eccola qua / a Vallata / a Trevico / a Scampitella / allegri allegri / non sbagliamo / una dama lascia e unaltra prende / solleone / sotto braccia / a sposare cavalieri / alla guardiese cavalieri / sempre allegri cavalieri / questo il ballo di ventiquattro ore / e adesso si comincia.

___________________________________

zmpa cardllo

jo lu tnco nu bllu cardllo
ohj qunda cse lggia mpar(ne)
jo lu mnno ra qusta e qura
lammasciatlla ldda prt-ritonello: ohj nnna n oi nnna n
                                                            zmpa cardllo pi lria va
snco li prviti e fnno lamre
li siculri ma cnna f
ma quru fsso ri monsignre
chi ti la dto la libert

j lu tnco nu bllo cardllo
ma quru vje tu zmpa zmpa
e cchi nri caplli biondi
tu mi lje ftt ohj nnammr

stje na mmma tne na fglia
mi l prumssa mi ldda ra
si jo cre cm a nu nbbio
pre pi lrija mi lggia piglij

a tu rrmj rnda ssu ltt
ma jo cnt a la sirna
e ri spezzmm ohj ss catne
si l vj f(re) lamre cu me

jo lu tnco nu bllo cardllo
e quru ja affiziunto
e quru vje ca smp ngro
la vije acchjnn la libert

e tu figlila quru t chiamt
tu livattll ohj ra la mnte
e pi la vija ri lu cummnd
tu sla sla nun ja sc

e qunn stj vicna lamnd
ca nun ti fri figlila ri st
tu cu re mni tu cu la vta
vulss smpe tu pazzij

e la mmma ri st figlila
qura nun tne n rta n pnni
e si mangive tre tzze ri pne
e nu craptt e tre chl e patne

e cme si ftta rssa
a me mi pri ohj na crsa
jo ti vurrja ohj r nu vso
a nd mi pr e pijce a m

e qund rta ssa scalinta
e chi Marnna la vle sglie
ca ri piglimm li picciunclli
re palummlle ri lsso qu

smmarrivti li chini Badssa
la fglia fla la mmma tssa
e rmma f(ne) li pnn a lambrssa
tne na fglia ra marit

e la firnmm e la firnmmo
ca lra trdi ci nmma sc
ftto ke jrno rimnematna
rimnassra turnmm a vn

e tu taffcci a la finstra
tu minammll na frnna rccijo
e tu mi strngi ma jo tabbrzz
ma qunda vse jo tggia r

bllo lu snu ri ssu rugantto
bllo f nammur(ne) la gnte
ma chi lu cnde lu sne e lu snte
ci staje nu pco ri sintimnto

e qund rta ss scalinta
ohj chi Marnna la vle sglie
la sglje jo ca snco uagnne
ri pnza ntrra li rn a lu sle

sse dje mennlle ca tni mbtt
na ri mle e nta ri ltte
tu blla mja fattra mje ftto
ripso e rquje nu pzz truv

e qunnri tu piccirlla
tu ri blla cma nu fijre
mo ca si ftta tu hranniclla
mi rj re pne ohj ri lamre

e tje lavta la fccia
cu lcqua ri la benzna
e la mandne la tja parla
ca qura mja nun vne mno

snza ca fj lu zmp e zumptto
tnco la rzza pi te ncapp
e si arrvo a soglie ssi cste
ohj qunda vse jo tggia r

e nun snc jo ma chi ti lsse
ja lu re ohj ca mi vle
ti lggia rta ohj la parla
e nu mi fro ri ti lass

tni na fccia tu tnna tnna
jo pi t(ne) la ntte nun drmo
qunno pi t(ne) e qunno pi uje
jo la ntte nun drmo mje

tu vni blla si vuj venre
fre lu gro ri nzze cu m
li cavallzzi so preparti
e le carrzze so prnt a part

ncppa Arino na parzunclla
ncppa li chini nta ri qura
ma tu figlila chi vj a la scla
nun sj lgge n ricam

ncoppa quj mnti ci st nu Casno
ke riva fna ke riva fna
ke riva fna ke riva ci st
l c Rosna e lamr mma f

qusta la vja ri la sicurnza
prima si passa e po ci si penza
li curtddi so cma na lnza
e nun si pssa ri prepotnza

qusta na vja ri schijuppettte
chijnqua pssa c mraccso
ri cinquicnti ohj nnammurti
so vincitre ri qusta zta

ohj qunno mmmita marta st fglia
ohj ke banchtte ke dda f
ma cu nu tmmilo ohj ri hrno
ttta la gnte la vle nvit

-SALTA CARDELLINO-
io tengo un bel cardellino / tante cose ti debbo insegnare /  io lo mando da quella e quella / lambasciata la deve portare / ritornello: o piccola n o piccola n / salta il cardellino e per laria va / sono i preti che fanno lamore e i secolari che debbono fare / ma quel fesso di monsignore / che ti ha dato la libert / io tengo un bel cardellino / ma quello va sempre saltando / occhi neri capelli biondi / me lhanno fatto innamorare / c una mamma tiene una figlia / me la promessa me la deve dare / se io cado come un nibbio / pure per aria me la debbo portare / e tu dormi dentro il letto / ma io canto al ciel sereno / e le spezziamo le catene /  se vuoi fare lamore con me / io tengo un bel cardellino / ma quello affezionato /  e quello va sempre in giro / va trovando la libert / ma tu figliola quello ti ha chiamato / tu devi togliertelo dalla mente / che per la via del convento / tu sola sola non devi andare / e quando stai vicino allamante / perch non ti stanchi di stare ferma / tu con le mani tu con la vita / vorresti sempre scherzare / e la madre di questa figliola / quella non tiene ne dote ne panni / si ha mangiato tre tozze di pane / un capretto e tre chili di patate / e come sei fatta rossa / a me sembri una ciliegia / io ti vorrei dare un bacio / dove pare e piace a me / ma quanta irta questa scalinata / ma chi Madonna la vuole salire / ci prendiamo i piccioncelli / le palombelle le lasci qua / siamo arrivati ai piani della Badessa / la figlia fila la mamma tesse / dobbiamo fare i panni a la svelta / tiene una figlia da maritare / e finiamola e finiamola / che lora tardi ce ne dobbiamo andare / fatto giorno domani mattina / domani sera torniamo a venire / e tu affacciati alla finestra / e gettami un foglia di sedano / tu mi stringi e io ti abbraccio / e quanti baci ti debbo dare / bello questo suono di organetto / bello che fa innamorare la gente / ma chi lo canta lo suona e lo sente / pu sentire un p di divertimento / quanta irta questa scalinata / ma chi Madonna la vuole salire / la salgo io che sono ragazzo / di pancia per terra e la schiena al sole / queste due mammelle che tieni in petto / una di miele e una di latte / tu bella mia fattura mi hai fatto / riposo e requie non posso trovare / tu quando eri piccolina / eri bella come un fiore / adesso che ti sei fatta grandicella / mi dai le pene dellamore / tu ti sei lavata la faccia con lacqua e la benzina / se tu mantieni la parola data / la mia certo non viene meno / senza che fai il salto e il saltello / io ho la rete per prenderti / e se arrivo a salire il tuo petto / o quanti baci ti debbo dare / e non sono io che ti lascio / il re che mi vuole / io lho data la parola / e non mi sento di lasciarti / tieni una faccia tu tonda tonda / io per te la notte non dormo / quando per te e quando per guai / io la notte non dormo mai / tu vieni bella se vuoi venire / fare un giro di nozze con me / i cavallucci sono preparati / e le carrozze sono pronte a partire / sopra ad Ariano c una porzione / sopra ai Piani ce ne unaltra / ma tu figliola che vai a scuola / non sai leggere ne ricamare / sopra quei monti ci sta un Casino / che erba fine che erba fine / che erba fine che erba ci sta / la c Rosina e lamore dobbiamo fare / questo la via della sicurezza  / prima si passa e poi si pensa / e i coltelli sono come una spada / e non si passa di prepotenza / questa la via di schioppettate / chiunque passa qui muore ucciso / di cinquecento innamorati / sono vincitore di questa sposa / quando mamma marita questa figlia / che banchetto che vuole fare / ma con un tomolo di grano / tutta la gente vuole invitare.

___________________________________

la majtinta

e bna sra patrna ri csa
rmmi la sggia mi vgli assitt
rmmi la pnna e lu calamro
lu nme tje mi vglio mpar Ritornello: ohj nnna n ohj nnna n
                                                                zmpa crdillo pi lria v
e blla tu ca stj rurmnno
rnda ssu ltt arricamto
tnco nu givin a lu lto
e si la rje a pazzij

mo ti la lscio la bna sra
mo ti la lscio mmzza la csa
prma nu pzzilo e rppe nu vse
rppe mi vco pr a rrm

snco vent ra Npole appst
pi ti prt(ne) st rrica tsta
e si sapssi qundo mi csta
pi ti prt(ne) st rrica tsta

snco vnut ra tndo lundn
pi ti cand(ne) figlila vicn
nun so frustro n calabbrse
so cittadno ri qusto pase

mo ti la lscio la bna sra
mo ti la lscio mzza la prta
e ttti qundi sttivi frti
ca lra trda mi nggia sc

dlice nme gintle cavte
ohj tu Marja chi vi chiamte
ja Giuvnn m cumannto
pi ti la f(ne) st majtinta

e vi la lscio la bna sra
ca vi la lscio mzz a la csa
e bna sra la nnammurta
ca lra trda ci nmma sc

e qund bllo rrm ncampgna
qunn lu mse ri mggio e gigno
tu cra nnna mantni la pgna
ca nun ti pzz mje lass

e qund bllo rrm ncampgna
qunn lu mse ri la vrinngna
tu blla mja fmm nu sgno
qunnla mmma tja nun c

si vj f lamre cu m
vna ri stte ca mmma nun c
mmma nun c e tta lavra
smmo sicri a fre lamre

-LA SERENATA-
E buona sera padrona di casa / dammi la sedia mi voglio sedere / dammi la penna e il calamaio / il nome tuo mi voglio imparare / bella che tu stai dormendo / in questo letto ricamato / tengo un giovane a lato / e se la da a scherzare / mo te la lascio la buona sera / e te la lascio in mezzo alla casa / prima un pizzicotto e poi un bacio / poi me ne vado pure a dormire / sono venuto da Napoli apposta / per portarti una radice tosta / ma se tu sapessi quanto mi costa / per portarti questa radice tosta / sono venuto da tanto lontano / per cantare a te figliola vicino / non sono forestiero ne calabrese / sono cittadino di questo paese / mo te la lascio la buona sera / mo te la lascio in mezzo alla porta / e tutti quanti restate forti / che lora tardi me ne debbo andare / dolce nome gentile che avete / tu Maria che vi chiamate / Giovanni mi ha ordinato / di portarti la serenata / e ve la lascio la buona sera / e ve la lascio in mezzo alla casa / e buona sera alla innamorata / che lora tardi me ne devo andare / e quanto bello dormire in campagna / quando il mese di maggio e giugno / tu cara piccola mantieni la parola / perch io non ti posso mai lasciare / e quanto bello dormire in campagna / quando il mese della vendemmia / tu bella mia fammi un segnale / quando la mamma tua non c / se vuoi fare lamore con me / vieni alle sette che mamma non c / mamma non c e babbo nemmeno / siamo sicuri a fare lamore

___________________________________

cndi r ngirje

ti si allungta cma na mzza
tni na cpa ri na chiczza
ma tu nu givine chi tabbrzza
fce lu stmaco ohj ri nu ciccio

m ca lje ftta qusta parlta
ca nu pitto ri fglie scallte
lu prcu mje nu ra vulte
si sciuto t(ne) ti rje mangite

hj ca nnnzi la prta tja
ci snco nti li puturusni
ma si na fccia ohj ri critno
ca tu nun sje mnco cand

tu fccia vrd e snza culre
tu stammatna nun je mangito
si ti la vve na tzza ri brro
ca lu culre ti vienarr

je ca nnnzi ssa prta tja
ci snco nte ohj re cicte
tu si na fccia ammerdicta
ti vje mtte a cand(ne) cu m

tu sttt ctto ciccio ca rglje
m ti ru prto ru fno e la pglia
jo tattcca la mangiatra
ti vncassglie ohj qunn lra

e tu figlijla ca vj ru ltte
m ti ni vna lu quagliatre
jo ti mtto ri cpa lu cccuvo
a tpassassno ru sro vuddto

tu stj ctto cu ssu vocine
fj parl(ne) re rondinlle
fnno lu nro nd re purtdde
nd nun ci snco li ml auclli

a tu re tni re hrucchia lnghe
a me mi pri ohj nu curnto
jo a la fra ohj ri Caltri
ca ti re pzz purt(ne) a cangi

e tu re tini re crna nfrnte
a me mi pri ohj nu muntne
jo a la fra ri Montiline
ca ti re pzzpurt(ne) a cangi

mi lggio ftta na camminta
sncarrivt a la crza ri Ntta
e ca firnmmila cu sse struftte
ca chino chino avmm arrev

tu stttctto cu ssu vocine
nun sje rce mzza parla
vn a nd me ti fzz scla
ti mpre bne ohj ri parl

e stammtina ca vca la psta
ca chino chino ti psso nu vglia
ca si na pvira cacglia
ti vj mtte a candre cu m


-CANTI A DISPETTO-
ti sei allungata quanto una mazza / tieni la testa di una zucca / ma un giovane che ti abbraccia / deve fare lo stomaco di un asino / mo che hai fatto questa parlata / che un piatto di foglie bollite / il mio maiale non le ha volute / sei andata tu e te le hai mangiate / dinanzi la porta tua ci sono nati i prezzemoli / tu con questa faccia di cretino / che tu non sai nemmeno cantare / tu faccia verde e senza colore / tu stamattina non hai mangiato / se te la bevi una tazza di brodo / cos il colore ti torner / e davanti la porta tua / ci sono nate le cicute /  tu sei una faccia piena di merda / ti vuoi mettere a cantare con me / e stai zitto ciuccio che ragli / mo te li porto il fieno e la paglia / io ti lego alla mangiatoia / ti vengo a sciogliere quando lora / e tu figliola che vuoi il latte / tu te ne vieni alla quagliatura / io ti metto a capo del recipiente / a tipo assassino il siero bollente / tu stai zitto con questo vocione / fai parlare le rondinelle / fanno il nido nelle portelle / dove non ci sono cattivi uccelli / e tu che tieni le orecchie lunghe / a me tu sembri un cornuto / io alla fiera di Calitri / te le posso portare a cambiare / e tu tieni le corna in fronte a me tu sembri un montone / io alla fiera di Monteleone / te le posso portare a cambiare / mi sono fatta una camminata / sono arrivato alla quercia di Netta / e finiamola con queste strofette / che piano piano dobbiamo arrivare / tu stai zitto con questo vocione / non sai dire mezza parola / vieni da me ti faccio scuola / ti insegno bene di parlare / e stamattina che vado alla posta / e piano piano ti passo un vaglia / tu sei una povera balbuziente / ti vuoi mettere a cantare con me.

___________________________________

DA CANTI DELLA BARONIA

nte dje majtinte

figli rincll a mmmita
si nve lu piacre
qunn rimnassra
jo lamre vnca f

snza ca vj e vni
lva nun matra
jo so na criatra
nun mi pzzo spus a t

e lcqua nd la fundna
lu vno nd la buttglia
jo tanno ti chimo mmma
qunno mi rj la tua fglia

e lcqua ri lu mre
chiss qund profnda
st fglio ri vahabbnn
vje ricnne ca vle a m

tu mmma ca crisci st figlia
crisciattlla la caggila
arrivarrje lu jurno
ca ti lssa e si nabbla

la mmma ri st figlila
vje ricnne fglia fglia
lggio crescita tnte
vne nu fsse si la pglia

mannggia lu chiantte
ca nun vle mje car(ne)
ci stnno rje figlile
nu re pzz mantin(ne)

e pi re mantin(ne)
ci vnno capzza e vrglie
la mmma cu la fglia
qunda msse ca snno f

tu tni la raggine
jo tnco la passjne
luvmm loccasine
scimma la chjsija pi ci spus

uagn flla firnta
si n pglio la mzza
mi stj rumpnne la cpa
nun ti pzzo chi suppurt

ohj v f ncla mmmita
ca nun ti vglio chi
la fne ca ftto mmmita
la stj facnno tu

mo si ni vne lu trno
lu trno ri stte e mzzo
figli mittci mzz
si vj f lammre cu m

mo si ni vne lu trno
lu trno chi cccia fmo
si prta li uagnni
e re zitlle re lssa qu

mo si ni vne lu trno
lu trno chi cccia nglia
si prta li mglie mglie
e li fssi ri lssa qu

mo si ni vne lu trno
lu trno ri Cirano
figli rmmj la mno
mbrccia a te vglio vin

mptta ssu ptt tje
ci so dje funtanlle
na bevta ri sscqua blla
rmmj qunn mi lhj f f

rndo ssu ptt tje
nc nu mzz ri vijle
bbijto a quramnte
ca laddra e si nabbla

cma si ftta jnca
a me mi pri na rictta
li capll a canniltt
chi ti rdda pittin

lanllo ca mje rto
lggio mst in portafglio
prjo nun ti vglo
m passta la vulunt

e svgliti ra lu snn
ca so vento jo
re campne ri larmunja
mo re sintarrj sun

tje ftto na cuprta
cu tnda ciancianll
qunn ti vja curc
li ciancianlli ri fj sun

e tu figlila ambile
chi ambile sncjo
tnno vasto tndi
e tggia vas purjo

qunno vulsse qunno
ca scnne ra ssu palzz
tu scnne jo tabbrzz
e tnno rce si cma m

mna lu vinte zcula
mna la vrija e trma
figli cncia sistma
si vj f lamre cu m

figlila ca crni farna
tu cu su clo nun zuculi
cu lu frscio ri ri mennll
tu la farna la fj abbul

pi stta ssu barcne
qunda snne ggio perdto
lu garfano carto
lu prmamre nun trna chi

affccita la finstra
minammlla napampanlla
figli qundo si blla
ri rulre mi fj mur

ra qunno ti vasj
si criscita ntu tndo
ti chimi cunsmamnte
je cunsumto lu cra m

vurrja spacc lu mre
cu na frnna raulve
vurrja sc a vir(ne)
nd si trva la blla mja


-ANCORA SERENATE-

Figliola dillo a tua madre / se tiene il piacere / quando domani sera / io lamore vengo a fare / senza che vai e vieni  / luva non matura / io sono una creatura / e non posso sposare a te / e lacqua nella fontana / il vino nella bottiglia / io allora ti chiamo mamma / quando mi dai la tua figlia / e lacqua del mare / chiss quanto profonda / tu figlio di vagabondo / vai dicendo che vuoi a me / tu mamma che cresci questa figlia / crescila nella gabbia / arriver il giorno / che ti lascia e se ne vola / la mamma di questa figliola va dicendo figlia figlia / lho cresciuta tanto / viene un fesso e se la prende / mannaggia lo sgabello / che non vuole mai cadere / ci sono due figliole / non le posso mantenere / e per mantenerle ci vuole cavezza e briglie / la mamma con la figlia / quante mosse che sanno fare / tu tieni la ragione / io tengo la passione / leviamo locccasione / andiamo in chiesa a sposarci / ragazzo falla finita / se no prendo la mazza / mi stai rompendo la testa / non ti posso pi sopportare / e vai a fare in culo a mammeta / che non ti voglio pi / la fine che ha fatto tua madre / la stai facendo tu / mo se ne viene il treno / il treno delle sette e mezzo / figliola mettici mezzo / se vuoi fare lamore con me / mo se ne viene il treno / il treno che caccia fumo / si porta i ragazzi e le zitelle le lascia qua / mo se ne viene il treno / il treno che caccia nebbia / si porta i migliori / e i fessi li lascia qua / mo se ne viene il treno / il treno di Cairano / figliola dammi la mano / in braccio a te voglio venire / dinanzi a questo tuo petto / ci sono due fontanelle / una bevuta di acqua bella / mi dici quando me la debbo fare / dinanzi a questo tuo petto / c un mazzo di viole / beato a quel amante / che lodora e se ne vola / come sei fatta bianca / mi sembri una ricotta / coi capelli a candelotti / chi te le deve pettinare / lanello che mi hai dato / lho messo in portafoglio / eppure io non ti voglio / mi passata la volont / e svegliati dal sonno / che sono venuto io / le campane dellarmonia / tu le sentirai sonare / hai fatto una coperta con tanti campanelli / quando te ne vai a dormire / i campanelli li fai suonare / e tu figliola amabile / pi amabile sono io / ti hanno baciato in tanti / ti debbo baciare anchio / quando vuole essere quando / che scendi da questo palazzo / tu scendi e io ti abbraccio / e allora dici sei come me / mena il vento e trema / mena la bora e trema / figliola cambia sistema / se vuoi fare lamore con me / figliola che cerni farina tu col sedere non ancheggiare / il frusco delle mammelle / la farina la fai volare / per sotto questo balcone / quanti sonni ho perso / il garofano caduto / il primo amore non torna pi / lacqua alla fontana / il vino nella bottiglia / io allora ti chiamo mamma / quando mi dai la tua figlia / affacciati alla finestra / e gettami una fogliolina / figliola quanto sei bella / di dolore mi fai morire / da quando ti baciai / sei cresciuta altrettanto / ti chiami consuma amanti / hai consumato il cuore a me / vorrei spaccare il mare / con una fronda di olivo / vorrei andare a vedere / dove si trova la bella mia.

___________________________________

re vijanve ri lu pase

mi nggia sc a cand(ne)
a qur so ri Viszza
amre pglme mbrzz
chi ti vle abbandun

la vja ri Viszza
la truvj na visazzra
rictt rmma bve
le rumptt la quartra

e li caplli tje
so ftta rcci a rcci
si mi vne nu crapcce
ntamnte mggia truv

re cste ri Trivche
so ttte cste chianre
mantnila la parla
ca la mja nun ja sicra

abbscia la cantna
nd mmma tne lu vno
mi fzzo nu bllo bicchre
a la salte ri lu cantinre

re figlila ri Parla
so ttte ri na manra
la fnno lamre cu dje
vnno ricnne nun ja lu vro

e lcqua ri Vaddta
ftta brglia brglia
ma prma ti vulvo
e mo jo nun ti vglio

mi nggia sc a ri crve
ri crve ri Carfe
lu tnco ntamco
ma ri t ke nggia f

mi nggia sc a lAbrzz
pi nun ti vir(ne) chi
tu lje rta ttti
ma sla m(ne) no

mi nggia sc a lAmrica
ohj pi circ furtna
snco scito cu li scarpni
so turnto cu li scarpn

jo ti lggio rtto
ma tu nu lje capto
lu fijre ri la mija vta
ti lje piglito tu


-LE VIE DEL PAESE-
Me ne debbo andare a cantare / a quel uso di Bisaccia / amore prendimi in braccio / chi ti vuole abbandonare / la via di Bisaccia la trovai una bisaccese / le dissi dammi a bere e le ruppi la quartara / e i capelli tuoi / sono fatti a ricci a ricci / se mi viene un capriccio / un altro amante mi debbo trovare / le coste di Trevico / sono tutte coste e pianure / mantienila la parola / che la mia non sicura / abbasso alla cantina / dove mamma tiene il vino / mi faccio un bel bicchiere / alla salute del cantiniere / le figliole di Padula / sono tutte di una maniera / fanno lamore con due / e vanno dicendo che non vero / e lacqua di Vallata tutta un imbroglio / ma prima ti volevo  / e ora non ti voglio / me ne debbo andare alle curve / le curve di Carife / ce lo un altro amico / ma di te che ne debbo fare / me ne devo andare allAbruzzo / per non vederti pi / tu lhai data a tutti / e solo a me no / me ne devo andare allAmerica / per cercare fortuna / sono andato con gli scarpini / sono tornato con gli scarponi / io te lo detto / ma tu non lhai capito / lamore della mia vita / te lhai preso tu.

___________________________________

la patrna mja

je qund blla la patrna mja
qunno si mtte la hunndda nva

e gra e gra attrna la massarja
mi pre na palmma qunnabbla

e chima re haddne cta cutlla
cta cutlla mja vna mangi(ne)

ohj mmma mmma cnda s haddne
ca qu nci mnca lu mgliu capne

e qu nci mnca lu mgliu capne
quro ca tne la pnna turchna

lu capurle lu capurle
lu capurle ri lu battagline


-LA PADRONA MIA-
O quanto bella la padrona mia / quando si mette la gonnella nuova / e gira e gira attorno alla masseria / mi pare una palomba quando vola / e chiama le galline cuta cutella / cuta cutella mia vieni a mangiare / e qua ci manca il miglior capone / quello che tiene la cresta turchina /  il caporale del battaglione

___________________________________


tarantlla vaddatra

ke blla tarantlla si vj abball cu m
ke blla tarantlla si vj abball cu m
mammannna ftta mmma ohj n n n
mammannna ftta mmma e mammarlla ftta m

vurrja sglinclo si putsse
vurrja sglinclo si putsse
cu na scaldda ri ohj n n n
cu na scaldda ri tricnti psse

arrivssa la mitte e si rumpsse
arrivssa la mitte e si rumpsse
e ncppa la mja blla ohj n n n
e ncppa la mja blla jo carsse

vurrja rivind(ne) suricllo
vurrja rivind(ne) suricllo
pi ti lu f nu vcclohj n n n
pi ti lu fa nu vcchilo a la hunnlla

tndo cavutarja cu st mussddo
tndo cavutarja cu st mussddo
fno ca la truvsse ohj n n n
fno ca la tuvsse la sanginlla

nun ti pigli lu vcchio ca ti mre
nun ti pigli lu vcchio ca ti mre
ti pglj nu giuvintto ohj n n n
ti pglj nu giuvintto ca ti cnda e sna

lu vcchio ja smila la fca
lu vcchio ja smila la fca
ca cccia fmassje ohj n n n
ca cccia fmassje e vmpa mca

e qunno fj a la chjsija pi si spus
e qunno fj a la chjsija pi si spus
lu vcchio pi la va ohj n n n
lu vcchio pi la va nciampicva

e qunno fje la sra pi si curc
e qunno fje la sra pi si curc
lu vcchio accumminzje ohj n n n
lu vcchio accumminzje a lamint

ke vj muglira mja ca ti fzzo
ke vj muglira mja ca ti fzzo
si Crsto m luvto ohj n n n
si Cristo m luvto lu putre

ke vj muglira mja ca ti fzzo
ke vj muglira mja ca ti fzzo
si vj la vsta nva ohj n n n
si vj la vsta nva ti la fzzo

nun vglio vsta nva e n vestglia
nun vglio vsta nva e n vestglia
jo vglio nu giuvintto ohj n n n
jo vglio nu giuvintto ca mi cnda e sna

e mo ca lu giuvintto lmmavto
e mo ca lu giuvintto lmmvto
lu vcchio lu mittmm ohj n n n
lu vcchio lu mittmma la culta

e lu pastre qunno vja mssa
e lu pastre qunno vja mssa
la chjsija le parva ohj n n n
la chjsija le parva nu paglire

si urdattrn e vre la Marnna
si urdattrn e vre la Marnna
ke blla lavannra ohj n n n
che blla lavannra ca lva pnne

si urdattrn e vra San Giusppe
si urdattrn e vra San Giusppe
ke bllo pasturllo ohj n n n
ke bllo pasturllo pi pscie pchire

si urd attrn e vre lalitre
si urd attrn e vre lalitre
ke blla massarja ohj n n n
ke blla massarja pi lu massro

si urdattrn e vre li uagnni
si urdattrn e vre li uagnni
ke blla morriclla ohjn n n
ke blla morriclla ri muntni

si urdattrn e vre la campna
si urdattrn e vre la campna
ke bllo caccavll ohj n n n
ke bllo caccavll pi quagli(ne)

si urd attrn e vre lu vattglio
si urdattrn e vre lu vattglio
ke bllo rutulatre ohj n n n
ke bllo rutulatre pi lu quglio

tu rtila casre mna quglio
tu rtila casre mna quglio
ca pzza f li vrmi ohj n n n
ca pzza f li vrmi a lu vattglio

mo mi ni vglio sc a Muntifrsca
mo mi ni vglio sc a Muntifrsca
truv(ne) mi la vglio ohj n n n
truv(ne) mi la vglio na frascaijla

nun mi ni mbrta ca nun tne frsca
nun mi ni mbrta ca nun tne frsca
bsta ca tne la ohj n n n
bsta ca tne la cantina frsca

e ttti mi ricvene qund blla
e ttti mi ricvene qund blla
a nd lje ftta tu ohj n n n
a nd lje ftta tu ssa caccirila

jo lggio ftt attrn a la Mailla
jo lggio ftt attrn a la Maijlla
a nd la nve nu ohj n n n
a nd la nve nun si lva mje

e nun si lva ri vrn e n restte
e nun si lva ri virn e n restte
mnco lu mse ri ohj n n n
manco lu mse ri la primavra

cnda lu hddo cu la vrde pnna
cnda lu hddo cu la vrde pnna
lassmm la bna sra ohj n n n
lassmm la bna sra cra nnna

cnda lu hddo cu la vrde cglia
cnda lu hddo cu la vrde cglia
lassmm la bna sra ohj n n n
lassmm la bna sra e sciamminnll


-TARANTELLA VALLATESE-
che bella tarantella se vuoi ballar con me / mamma nonna ha fatto a mamma / e mammarella ha fatto a me / vorrei salire in cielo se potessi / con una scalella lunga di trecento passi / arrivassi alla met e si rompesse / e in braccio alla mia bella io cadessi / vorrei diventare un topolino / per farti un buco alla gonnella / tanti buchi farei con questo muso / finch io arrivassi alla sanginella / non ti prendere il vecchio che ti muore / prenditi un giovinotto che ti canta e suona / il vecchio simile alla fica / che caccia assai fumo e niente vampa / e quando fu in chiesa per sposarsi / il vecchio per la via inciampava / e quando fu la sera per coricarsi / il vecchio incominci a lamentarsi / che vuoi moglie mia che ti faccio / se Cristo mi ha tolto il potere / che vuoi moglie mia che ti faccio / se vuoi la veste nuova te la faccio / non voglio veste nuova e ne vestaglia / voglio un giovanotto che mi canta e suona / e adesso che il giovanotto labbiamo avuto / il vecchio lo mettiamo alla colata / e il pastore quando va a messa / la chiesa gli sembra un pagliaio / si guarda attorno e vede la Madonna / che bella lavandaia che lava i panni / si guarda attorno e vede a San Giuseppe / che bel pastorello che pascola le pecore / si guarda attorno e vede laltare / che bella masseria per il massaro / si guarda attorno e vede i ragazzi / che bella morra di montoni / si guarda attorno e vede la campana / che bel recipiente per quagliare / si guarda intorno e vede il vattaglio / che bello mattarello per il caglio / tu ruota il latte e getta il caglio / che possa fare i vermi al battaglio / mo me ne voglio andare al monte delle frasche / trovarmi voglio una frascaiola / non mi importa che non ha frasche / basta che tiene la cantina fresca / e tutti mi dicevano quanto bella / dove lhai fatta tu questa ricerca / lho fatto attorno alla Maiella / dove la neve non si leva mai / e non si leva dinverno e ne destate / nemmeno il mese della primavera / canta il gallo dalla verde penna / lasciamo la buona sera alla cara nenna / canta il gallo dalla verde ciglia /  lasciamo la buona sera e andiamocene.

___________________________________

la metnna

ru hrno nun nflt e mncallsca
patrna v la pglia la fijsca

lu crro nun camna cu na rta
patrna v la pglia nta vta

ohj hrno ri la Pglia rtt addrto
chi tve simminto tdda mte

ohj ke mi vglio mte cu na cipdda
frza lu haramddo nun mi vne

blla patrna si vje mte ru hrno
nc vnne crne maccarne e vno

e si pi cso nu ru bbje f(ne)
qust la flice mitaddddo t(ne)

patrna mja ti vgli arricch(ne)
cma nu cne vglio fatih(ne)

tggia f vnne vv e massarja
tggia f sc a garzne cme vco jo

e lu srore scrr a gccia a gccia
Marnna cme cce st ristccia


-LA MIETITURA-
Il grano non n folto e n rado / padrona va a prendere la fiasca / il carro non cammina con una ruota / padrona va a prenderla unaltra volta / tu grano della Puglia fatti indietro / chi ti ha seminato ti deve mietere / e che mi voglio mietere con una cipolla / se forza nel gomito non mi viene / bella padrona se vuoi mietere il grano / ci vogliono carne maccheroni e vino / e se per caso non lo vuoi fare / questa la falce e mietilo tu / padrona mia ti voglio arricchire / come un cane voglio lavorare / ti debbo far vendere buoi e masseria / ti debbo far andare a garzone come vado io / e il sudore scorre a goccia a goccia / Madonna come cuoce questa stoppia.

___________________________________

la blla Rondinlla

Vaddta nstr nu bllu pase e vje n
Vaddta nstr nu bllu pase e vje n
e lrija bna lu cl ri turchse
vla la Rondinlla e cme ti vgliam
ritornello:
ti vgliam ti vgliam ti vglio bne
e rmme nta btta e ke ne vne vne
ti vgliam ti vgliam ti vglio bne
e rmme ntu vse e ke ne vne vne

si chince si si rmpe la pignte vje n
si chince si si rmpe la pignt e vje n
nun sve a nd mtte chi ri fv a cce
vla la Rondinlla e cme ti vgliam
ritornello

si chince si si rmpe lu bicchre e vje n
si chince si si rmpe lu bicchre e vje n
nun sve a nd mtte chi lu vn a bbve
vla la Rondinlla e cme ti vgliam
ritornello

e rndo ri trasnne qunda cse e vje n
e rndo ri trasnne qunda cse e vje n
lu zto cu la zta Marnna qunda vse
vla la Rondinlla e cme ti vgliam
ritornello

la Tglia cu Fracchio e cu la Chizza e vje n
la Tglia cu Fracchio e cu la Chizza e vje n
nc so uagnni nzst e uagnrde ri rzza
vla la Rondinlla e cme ti vgliam
ritornello

e ancra sarja chi bllu st pase e vje n
e ancra sarja chi bllo st pase e vje n
la la gnte vje pi circ fortne
vla la Rondinlla e cme ti vgliam
ritornello


-LA BELLA RONDINELLA-
Vallata nostra un bel paese / e laria dolce e il cielo turchino / vola la Rondinella / e come ti voglio amare / ti voglio amare ti voglio amare ti voglio bene / e diamo un altra botta e che ne viene viene / ti voglio amare ti voglio amare ti voglio bene / e diamo un altro bacio e che ne viene viene / si piange se si rompe la pignatta / non si ha dove mettere pi le fave a cuocere / vola la Rondinella e come ti voglio amare / si piange se si rompe il bicchiere / non si ha dove mettere pi il vino a bere / vola la Rondinella e come ti voglio amare / e dentro le traverse quante case / lo sposo con la sposa Madonna quanti baci / vola la Rondinella e come ti voglio amare / la Teglia con Fraucchio e con la Piazza / ci sono ragazzi gagliardi e ragazze di razza / vola la Rondinella e come ti voglio amare / e ancora sarebbe pi bello questo paese / ma la gente va per cercar fortuna / vola la Rondinella e come ti voglio amare.

___________________________________

Filumena

Filumna Filumna t lassto lu prmamre
t lassto e si n scito nun ti vle prpio chi

si tu fsse chi bllina ti vurrja ncurun
si na msera cundadna e vj ncampgn a fatih

in campgna nun ci vco ca lu sle mi f mle
mi ni vco ncamarno vco a cse e ricam

e la mmma ruffijna ca ti rje tnda vincgli
chi ti lsse e chi ti pglia e ti fnno spavint

e lu jrno ri la fsta nun ti vste tnda pmposa
je pins nupco a lu spso quro chi stje lundno ra t


mo la mmma s ricrsa Filumna mja nd st
Filumna scita nchjsa e smpe a Do vja prih

- FILOMENA -
Filomena Filomena ti ha lasciato il primo amore / ti ha lasciato e se ne andato non ti vuole proprio pi / se tu fossi pi bellina ti vorrei incoronare / sei una misera contadina e vai in campagna a lavorare / in campagna non ci vado perch il sole mi fa male / me ne vado in camerino vado a cucire e ricamare / e la mamma ruffiana che ti da tanti vincigli / chi ti lascia e chi ti prende e ti fanno spaventare / e il giorno della festa non vestirti tanto pomposa / devi pensare un po allo sposo quello che sta lontano da te / e la mamma si ricreduta Filomena mia dove sta / Filomena andata in chiesa e sempre a Dio va a pregare.

___________________________________

Pagina Precedente Home