Vocabolario Vallatese - Italiano

Il Piccolo Dizionario
"Vallatese - Italiano"

Le parole, termini e locuzioni sono tratti dal libro di Domenico Maria Cicchetti "un'isola nel mare dei dialetti meridionali"

cacÓglio (voc. onom.) balbuziente
caccavýddo caccavŔdda (nap. caccavŔlla attr. caccabellu) caccavella
cÓcchivo Ś lu c˛cchivo Ś (caccabi) recipiente molto concavo, cilindrico quasi e nel quale si cuoceva e si lavorava il latte: lu c˛cchivo ri lu massÓro
cacciÓ' (captiare) cacciare, mandar via: --- ra cÓsa / trarre, cavar fuori: --- ri mÓne ra la sÓcca / rifl: mi cÓccio, mi cacciÓj / cacciÓto, mandato via, scacciato / tratto fuori
cacciaf¨mo (captiare fumu) camino, tira-fumo, comignolo
caccijÓ' (var. di cacciÓ') dare la caccia, inseguire: caccijŔjo, caccijÓj / caccijÓto, cacciato
caccijÓta l'atto e l'effetto di caccijÓ' caccirij˛la, preda, cacciagione / p. est. inseguire e prendere giocando
caf˛ne (voc. osca attr. catione) contadino / p. est. villano
caggi˛la (da cavea, nap. caj˛la) gabbia per gli uccelli
cagnul˛' (dial. attr. casicare o cascolare) cadere, cascare: ---- hrÓno ra li sÓcchi; --- castÓgne / fig. cascare dal sonno: ---- ra lu s¨nno / il farsi del fuoco: --- ru f¨co / cagnul˛to
cajnÓto (cognatu) cognato / detto: cajnÓto ŝk¨ma ri pignÓta
caj˛nna misura, cosa inesistente e impossibile
calicýma (t. calcina) calce spenta impastata e secca
calicinÓro impasto di calce e sabbia per la muratura
calicir˛gna calcinaccio, frammento di intonaco
callarÓro chi vende ed aggiusta caldaie callÓro (cal (i) dariu) caldaio: lu --- pi' la 'nfarnÓta
cÓliza o cÓlza (calcea) calza / dim. calizŔtta, masch. calzarýddo
cal˛pire (voc. pre-rom. attr. calle) dirupi, burroni
camicŔtta (fr. chemisette) camicetta
cÓmise Ś lu c˛mise Ś (gr. kamasos) camice / cammýsa (camisia) camicia / dim. cammis˛la
cammarÓ' (voc. pre-rom.) manducare, mangiar carne nei giorni proibiti: nun s'Ódda --- la viscýlija / p. est. punire, castigare / cammarÓto, mangiato / castigato
cammusulýno panciotto, corpetto senza maniche
cÓmpa (gr. kampe) bruco: la cÓmpa 'nd˛ lu mýlo
campÓna (campanea-campu) corte comune, terreno comune ad un gruppo di case coloniche: la --- ri la massarýja
campŔ (voc. pre-rom.) negazione, rifiuto / v¨je vini' - campŔ
campýro (med. campariu) campiere, conduttore di campi
cancarŔna (gr. kankraina) cancrena cand˛ne (gr. kant˛s) angolo, pezzo / femm. cand˛gna: 'na --- ri pizza
canŔstra (kanastron) canestro: 'na --- pi carisciÓ' li pÓnni ri la zýta
canýglia (voc. pre-rom.) crusca, forfora: la ---e la farýna / fig. scempiaggine: Ŕja --- ca týne 'cÓpa
canigli˛la pettine stretto per pidocchi e forfora
canýrcio (voc. pre-rom.) avaro, avido come cane
canistrÓro chi faceva o vendeva canestri cÓnna (canna) canna / cann¨zza: la --- ri la pýppa
cannÓcca (cannale) collana: la --- ri cann¨zze
cannah˛la (canna e gula) desiderio golositÓ
cannar˛ne pl. cannar¨ni, trachea ed esofago
cannar¨to goloso, ghiotto / ˛mmine cannar¨to e fŔmmina putt˛na
cannŔdda pl. cannŔdde, tubo di legno infilato nel fondo della botte attraverso la quale si spilla il vino
cannŔdde pezzi di canna tagliati tra nodo e nodo ed aperti ad entrambi i lati. Le infilavano i mietitori per riparare le dita dalla falce
cannýddo cannello o cannuccia: lu cannýddo ri la fijÓsca / t'Óggia fÓ' vŔve' 'ncannýddo
cannilýro (candere) candeliere
cannil˛ra (candelora) Candelora
canzŔrro (fr. changer = cangiare = scangiare) figlio scangiato, adottato: 'nu figlio canzŔrro
cÓpa (capite) capo, testa: la cÓpa mýja / cÓpa t˛sta / dim. capuzzŔdda / vezz. cap¨zza accr. capacchi˛ne / cap˛cchia
cÓpe' (capere) poter entrare, essere contenuto: 'nci cÓpe; nun ci cÓpe / cÓpo, cÓpi, cÓpe, capýtti / cap¨to, entrato, contenuto
capŔzza (capitiu) capezza, cavezza: la --- ri lu ci¨ccio
capicanÓle pranzo per l'ultimazione di lavori importanti
capisci˛la (prob. attr. capu e axsolvere) nastro, legaccio
capizzÓglia (capitiate) estremitÓ, capo estremo dello spago usato dal calzolaio
cap˛ne (cappone) cappone, pollo castrato: lu --- pi' NatÓle
cappitýddo (da capitiu) capezzolo: lu --- ri la mŔnna
capur˛lo (capore) caporale, capo di un gruppo / mediatore tra padrone e lavoratore
carast¨so (da caru) chi vende a prezzi alti, cari
carcagnýddo (da calce = calcagno) uomo molto basso e piccolo
carcÓ' (calcare) premere, pigiare: --- la mÓno / carcÓto, premuto, calcato / volg. lu h˛ddo cÓrca la haddýna
carcÓra (calcarla + fornax) fornace per cuocere le pietre / grossa massa di fuoco: 'na --- ri f¨co
cardarŔlla (dim. di cal (i) daria) piccola caldaia, piccolo cofano usato per aridi e liquidi
cardarŔlla (da cardu) fungo mangereccio del cardo / carduncella
carýcchio (voc. pre-rom.) fermo, spinotto della catena che agganciava i buoi al giogo / p. est. fermo di catena in genere
carij˛la (carru) carriola o cariola
carisciÓ' (carricare) trasportare un carico: --- la pÓglia / rifl: mi carrŔscio, mi carisciÓj / carisciÓto, trasportato
cariv¨gno (carbonculu) foruncolo
carivunýro (carbonariu) carbonaio
carpisciÓto (da carpa nel significato dell'ar. butur = pustola) carpiato, butterato
carrÓ' (da carru e carricare) trasportare col carro e con le nÓke i covoni sull'aia: --- ru hr˛no; --- re hrŔgne; --- l'ausýddi / carrÓto, trasportato
carrÓfa (ar. garrafa) recipiente panciuto di creta col collo stretto e la bocca larga / carraf˛ne, carrafŔdda, accr. e dim.
carrÓro (carraria) via adatta per i carri / fig. la via Lattea: lu --- ri SÓn CirijÓco
carrucchi˛ro (voc. nap.) taccagno, spilorcio / detto: li s˛ldi ri lu --- si li mÓngia lu sciampagn˛ne
carusŔdda specie di grano con farina bianca ed ottima pi' li maccar¨ni fÓtti 'ncÓsa
carusýddo (dal nap. carusiello, dim. di car¨so) salvadanaio in genere, risparmio
car¨so (forma merid. di cariosus) l'atto e l'effetto ri carus˛'
carus˛' tosare, radere: --- la cÓpa; --- re pŔchire / rifl: mi carusŔjo, mi carus˛tti/carus˛to, tosato, rasato / fig. spoliato
casciabÓnco (capsa e bank) cassapanca
kaŝkavŔglia (prob. dal gr.) susina selvatica rossa
kÓta-katÓscia (gr. kÓta-kÓjo) lucciola / fig. un lume che illumina poco: pÓre 'na ---
katam˛ne (gr. katamiamo) persona corpulenta e trasandata e che si muove con difficoltÓ
katapŔcchia (voc, etrusca) misera abitazione
kataplÓsma (gr. kataplasma) cataplasma / fig. persona noiosa, piena di malanni
katarÓtto (gr. katarrhÓktes) apertura nel soffitto, botola
katÓrra (gr. kitara) chitarra / fig. chi non connette: --- scurd˛ta
katarrÓro chi vendeva o suonava chitarre
katÓsta (gr. katastÓsis) mucchio di legna, tavole, travi e simili / ant. misura di volume: 'na --- ri tÓvile
cÓto Ś lu c˛to Ś (catinu) catino
kat¨zzo (gr. kat˛chion) catorzolo o catorzo: 'nu --- ri castÓgno / fig. uomo grosso e tozzo / p. est. il manufatto per la produzione o trasformazione della legna in carbone
cavurj˛' (cavus = ove si fondono i metalli) arroventare il ferro per dargli la forma desiderata: --- ru fýrro / rifl: mi cavurijŔjo, mi cavurij˛tti / cavurij˛to, arroventato, infiammato
cav¨to (da cavo = cavo) buco, cavitÓ
cavut˛' cavare, forare: --- 'nu cav¨to / rendere cavo: --- li trijddi / rifl: mi cÓvo o cavutŔjo, mi cavut˛j o mi cavÓtti / cavut˛to, cavato, forato, reso cavo
cŔcce pl. cýcci o cýciri (ciceri)
cŔcino (gr. k¨knos) recipiente di terracotta per liquidi con il corpo gongio e la bocca stretta / dim. cicinýddo, cecinino / usato anche come salvadanaio / fig. bambino tondo e grassottello
cŔchila (voc. pre-rom.) minima porzione di qualcosa, briciola: 'na --- ri pÓne / dim. ciculýcchio, pochissimo
cŔgna (da cignÓ') cinghia, fune: la --- ri la vÓrda
cŔmmila (da cyma = infiorescenza) seme di finocchio: li tarÓlli cu'Ia cŔmmila
cŔndro (gr. kentron) centro: lu --- ri la r˛ta p. est. ricamo, pizzo messo al centro di un mobile o simili
cŔre' (cedere) cedere: --- la terra / cýso o cir¨to, ceduto, cessato
cŔrmito (cervice = collo) trave di colmo / linea di disluvio del tetto: lu --- ri l'armÓggio; lu --- ri lu pagliÓro
cŔrne' (cernere) cernere, scegliere: --- ru hr˛no; --- la simŔnda / fig. gironzolare: vÓje cirnŔnne / cirn¨to, scelto
cŔrnita scelta, spartizione
cŔrza (quecea) quercia / albero e frutto / re cŔrne pi' li p¨rci
chiÓcca (capulu) asola, cappio: la --- ri la cammýsa
chiajtÓ' (voc. ant. attr. placere) chiedere, esigere: --- ru mýjo / rifl: mi chiÓjto, mi chiajtÓtti / p. est. patteggiare: --- lu prŔzzo / chiajtÓto, chiesto, preteso / patteggiato
chiÓlla (plana) pialla / dim. chian¨zzo: lu --- ri lu falignÓme
chiallÓ' piallare: --- lu rist˛ne / chiallÓto, piallato
chiÓna (planu) piana, pianura / dim. chianŔtta, pianetta
chiÓnca (voc. etr. attr. plangere = chiagnere) macello, macelleria / fig. strage: Óve fÓtto 'na --- / pietra in genere
chiancarŔdde pietre piatte dei fiumi di montagna / topon. ChiancarŔdde, localitÓ in Vallata
chiÓnce' o chiÓnge' (plangere) piangere: --- cu' re lÓhrime / chiÓndo o chianci¨to, pianto: Óggio chiÓndo assÓje
chianchŔdda (da chiÓnca, dim. di planu) pietra piatta / rustico sedile costruito con un disco di tronco d'albero e tre rametti in esso conficcati per piedi / trespolo
chianchijÓto macellato, massacrato: Óve 'na morra r'Ójni
chiÓnchile (var. merid. di plattus = chiÓtto piatto) pietre piatte usate per pavimentare abitazioni e strade
chianchi˛ne (da chiagnere) piagnone, chi piange o dove si piange a lungo / topon. Chianchione, rione di Vallata
chianchýro macellaio, l'uomo della chiÓnca
chianc˛ne (accr. di chiÓnca) grossa pietra: m˛' ti mŔnco 'nu ----
chianculŔnde chi ha il pianto facile / si addita per burla
chiÓnda (pianta) albero in genere: 'na --- ri cirÓse / dim. chiandýme: --- ri cip˛dde
chiÓnda pianta di mano, pianta dei piedi, ecc. 'nchiÓnda ri mÓno
chiandamalÓnni chi pianta malanni, iettatore, disgraziato
chiandat˛re (piantatore) piantatore, chi pianta
chiandat¨ro attrezzo a guisa di corto bastone di legno appuntito col quale si buca il terreno e nei buchi si lasciano cadere i semi o si infilano le piantine
chiandŔlla (da planta) la parte di cuoio della scarpa cucita o inchiodata subito sotto la pianta del piede
chiÓndo (planctu) il pianto: lu chi˛ndo ri la MadalŔna
chianŔlla (da chiana) pezzo di legno piano usato per solai, architravi e simili: la chianŔlla ri lu sul˛ro (solaio)
chianŔta (planeta) pianeta, astro / qui per destino, sorte
chianijÓ' (da chiÓna) mettere in piano, spianare / chianijÓto, messo in piano, spianato
chian¨ra (planura) pianura
chiÓrfo (voc. pre-rom.) moccio, muco chiarf¨so, moccioso: 'na pŔchira chiarf˛sa
chiatý' (placitu) piatire, chiedere con insistenza: --- 'nu t¨zzo ri pÓne / chiat¨to o chiatýto, piatito, chiesto
chiÓtra acqua stagnante ghiacciata: 'na chiÓtra r'Ócqua
chiatrÓto (gr. kru˛s) gelato, ghiacciato chiatr˛ne (accr. di chiÓtra) lastra di ghiaccio molto spessa
chiattar˛la pietra piatta, piattaiola chiattýddi (da plattula) piattole, pidocchi parassiti della zona inquinale
chiÓtto (plattu) piatto, grosso e grasso: 'n'˛mmine chiÓtto / dim. chiattufiddo / accr. chiatt˛ne
chiÓzza (platea) piazza / chiazzaj¨lo, chiazzaj˛la: uomo e donna di piazza
chijcÓ' (plicare) piegare: --- lu misÓle / rifl: mi chjŔco, mi chijcÓj o chijcÓtti / p. est. ingoiare: chijcÓ' li trijddi / chijcÓto, piegato / ingoiato
chijcat¨ra l'atto e l'effetto di chijcÓ' chijchjŔrchia (cicercula) pianta e frutto delle leguminose
chic˛zza (t. cucutia) cocuzza, zucca / dim. cucuzzýddo, zucchino
chijŔca pl. chijŔche Śpiega, pieghe chijŔna (plena) piena (corso d'acqua): la --- ri la jum˛ra
chijno (plenu) pieno: --- r'Ócqua / fig. sazio: --- fýn'a 'ncÓnna / chijno, chijno =pienissimo
chĵnco (gr. plinzos) recipiente di creta a guisa di padella che arroventato sul fuoco e coperto dallo stesso riceveva e cuoceva la pizza (focaccia) di farina di granone
chinn¨ce' (conducere attr. gula) ingoiare: --- abbÓddo / rifl: mi chinn¨co, mi cunnucýtti cunnuci¨to, ingoiato
chi˛cco (capulu) cappio, nodo scorsoio: lu --- scurrit¨ro
chit¨gno femm. chit˛gna Ś (coteneu) cotugno, cotogna / fig. pugno
chi¨mmo (plumbu) piombo / p. est. il filo a piombo dei muratori
chi¨nzo (long. klunz) grosso, posapiano: lu ci¨ccio ri Chi¨nzo (lento e piagato) / detto: Chi¨nzo cu' re sarÓche
chi¨ppo (voc. pre-rom.) pioppo: tÓvile ri--- / topon. lu Chi¨ppo ri la C˛rte
chi¨re' (cludere) chiudere: --- la p˛rta; --- lu cundr˛tto / rifl: mi chi¨ro, mi chiurýtti / chi¨so, chiuso
chi¨vo (clan) chiovo, chiodo / fig. 'nu --- (pallino) 'ncÓpa
ciÓccia, cýccia (voc. onom.) riduzione infantile di carne
ciamb¨tto guazzo, pantano, mescolanza / dim. ciambuttýddo
ciambutt˛' (da ciampa e l'ant. bottare) ridurre in poltiglia pestando / pestare in liquidi sporchi: --- 'nd˛ la neve; --- 'nd˛ l'Ócqua / ciambutt˛to, ridotto, pestato
ciammar¨ca (prob. attr. ciamm¨rijo) lumaca / dim. ciammaruchýddo
ciamm¨rijo (da fr. chamojre) cimurro, raffreddore
ciÓmpa (dal long. zampa) zampa: la --- ri lu cavÓddo / s˛tt'a ri ciÓmpe mýje
ciampÓta zampata, calcio / orma della ciÓmpa
ciampijÓ' pestare, zampeggiare: ciampijŔjo, ciampisciÓj o ciampijÓtti / ciampijÓto, pestato, zampeggiato
ciamp˛tta minestrone di patate, zucchini, sedano, pomodori, peperoni, ecc.
ciÓnci (voc. onom.) ciarle, fandonie, scherzi
ciancianýIli-elle pendagli, ciondoli / p. est. fiocchetti e trine ornamentali / infiorescenze delle acacie spinose
ciacijÓ' cianciare, ciarlare: --- cu' lu n˛nno / fig. far moine: --- la mÓmma; --- la zýta / ciancijÓto, cianciato, ammoinato
ciavÓrra (voc. pre-rom.) agnello o agnella dagli uno ai due anni con le corna /p. est. ciavÓrro, uomo cornuto
cýccile (da cicatrix-icis) buttero, pustola della vaccinazione antivaiolosa
cýk-ciÓk (voc. onom.) suono prodotto battendo o schiacciando qualcosa di liquido o molle / cýk-nŔ, voce di richiamo per i maiali
cýglio (ciliu) dolore: 'nu --- ri pÓnza / pl. cigli: dolori uterini della puerpera / p. est. gli aculei dolorosi degli insetti
cýgli (cieo) germogli: li --- ri re cip˛dde; ri re patÓne
cignÓ' (t. cingulare) cinghiare, cingere: --re vŔstje / p. est. percuotere con la cinghia / cignÓto, cinghiato, percosso
cignÓta colpo, botta con la cinghia ed altro
cýma (cyma = germoglio) infiorescenze di pi¨ assi fiorati che partono da un solo stelo / cavolfiore: cýma ri rÓpe
cimmar¨Ii piccoli peperoni nati in cima alla pianticella
cýnda (congula) cinta: la --- ri la vesta
cindrŔdda (gr. kŔntron = centrine) bulletta, chiodo per preservare pi¨ a lungo la suola delle scarpe
ci˛ffa (voc. etr. attr. il lat. m. clocca) ciocca, speciale legatura di lacci e nastri
ci˛nna (cunnu) vagina / ci˛nno, fesso, stupido
ci˛la (voc. dial. attr. ciancia) cornacchia / volg. la --- ri s˛rita
ci˛tila (gr. kotile) ciotola di terracotta con la bocca protetta da una membrana forata appena per gli insetti
cip˛dda (t. cepulla) cipolla / dim. cipuddýno, cipollaccio
cýppo o cýppiro (cippo) ceppo: lu --- ri NatÓle accr. cipp˛ne / fig. uomo tozzo e grosso p. est. origine, cognome: a cýppo mýjo; lu cýppo ri la famýglia
cipudd˛ra (da cepulla) grillo talpa dell'orto / cipudd˛ro, chi coltiva e vende le cipolle
cirÓso (gr. keras˛s) ciliegio
circÓ' (t. circare) cercare: --- 'ncÓpa / rifl: mi cŔrco, mi circÓj / circÓto, cercato / detto: circÓ' lu pelo 'nd˛ l'¨vo
cýrchilo (circulu) circolo: 'nu --- ri crijat¨ri
cýrchjo (var. di cýrchilo) cerchio: lu --- ri la v˛tta / p. est. circonvoluzioni celebrali (circumvolutu): re chiŔrchje / loc. Óje pŔrso re chiŔrchje (il senno, il cervello)
cýrli (cirro) riccioli, capelli: li --- ri 'sta uagnÓrda
cirnýcchio (cerniculu) cernecchio, crivello cirnit¨ra, cernitura
citr¨vilo (citriolu) cetriolo / fig. fesso, babbeo, citrullo
cýtto (fr. quitte) zitto, quieto / detto: cýtto, cýtto 'mmýzz'a lu mircÓto
ci¨tto (voc. pre-rom.) tarchiato, grasso ciuvirýddo (cerebellu) cervello / pl. femm. ciuvirŔdda
civÓ' (t. cibare) dar da mangiare, imboccare: --- li figli / cývo, civÓj / civÓto, imboccato
c˛cchia (copula) coppia, paio / fig. gemelli: 'na --- ri mÓschili
c˛cchijlia (gr. cochlias) crosta, corteccia
c˛ce' (v. cocere) cuocere: --- la minestra / rifl: mi c˛co, mi cucýtti / c¨tto, cotto / detto: 'ncýmm'a ru c¨tto l'Ócqua vidd¨ta
c˛chila (gr. kukk˛s) bacca della quercia / ¨cchj ri c˛chila
c˛mito (fr. commode) comodo, arredo, / p. est. tutti gli arredi e gli utensili della casa: li c˛miti 'nd˛ la massarýja
c˛nca (concha) recipiente di terracotta, di rame, zinco, ecc. per liquidi ed aridi: 'na --- r'Ócqua; 'na --- ri trijddi
c˛nghje' (v. complere = riempire) maturare: Ódda ---; fÓce --- re spýche / fig. soffrire dentro: --- 'nc¨rpo / chinghj¨to, riempito, maturato
c˛ppila (m. cuppula) coppola, berretto / fig. poca: 'na --- ri terra
c˛rla (gr. kole) collera, sdegno
c˛rva (da curv¨) la falda di legno curva del basto
c˛tica (cutica) cotŔnna: --- ri p¨rco; minŔstra e --- / mal. p¨zzi sci' c¨m'a la c˛tica lncýmm'a li cariv¨ni
c˛scina (gr. kophinos) cesta: la --- pi' li pÓnni
c˛se' (v. cosere) cucire: --- la vŔsta / rifl: mi c˛so (mi cucio), mi cusýtti / cus¨to, cucito
c˛ssa (coxa) coscia: --- ri p¨llo; --- ri fŔmmina
c˛ta (quota pars) quota parte di un terreno quotizzato
c˛zza (coclea) coccia, capa / accr. cuzz˛ne / dim. cuzzŔtto, nuca
c˛zzica (v. crusta) crosta sulle piaghe e ferite
crabbij¨li (voc. pre-rom.) le gemme delle viti, piccoli capi delle stesse per la riproduzione
craf¨cchjlo (voc. pre-rom.) bugigattolo, stambugio
crÓj (crau) domani: --- matýna (domani mattina) / --- a sera (domani sera) crammatýna o crajmatýna (domattina)
crÓpa (capra) capra / crap˛ne, caprone / crapŔtto, capretto
crapýccio (ant. caporiccio) capriccio crŔcchile (voc. pre-rom.) percosse, batoste
krý-krý (voc. onom.) imitazione del verso del grillo
crýcco (voc. onom.) diritto, teso: 'nu cappýddo crýcco; camýna crýcco crýcco / crýcca, combriccola: 'na --- ri marij¨li
crijÓ' (creare) creare, inventare: --- lu m¨nno / rifl: mi crijÓtti / crijÓto, creato
crijÓme raccolta di bambini, cose da bambini: s˛' crijÓme
crijÓnza (sp. crianze) creanza: mÓla --- / b˛na --- / sŔnza ----
crijat¨ra (t. creatura) creatura / crijat¨ro, bambino
crij¨so (coriosu) curioso / crijusitÓ, curiositÓ
crijus˛' (curiositare) curiosare: --- 'nd˛ lu mircÓto; --- rýndo cÓsa / curijus˛to, curiosato
cripÓ' (t. crepare) crepare, scoppiare: --- 'nc¨rpo; --- ri cÓllo / rifl: mi crepo, mi cripÓj o cripÓtti / cripÓto, crepato, scoppiato
cripat¨ra l'atto e l'effetto di cripÓ'
cripÓzza crepa, crepaccio
crirŔnza (m. credentia) credenza, credito: mi fŔce --- / p. est. armadio per stoviglie, dispensa: la --- pi' ri ruu˛gne
criscŔnde (da crescere) lievito sopratutto del pane
criscŔnza che cresce / luna crescente / contr. mancÓnza
crisci¨lo (coriu = cuoio) lacciolo o legaccio tagliati dal cuoio o dalle pelli conciate e non: lu --- ri vacchŔtta; --- ri cÓne
cr˛na (corona) corona in genere: la --- pi' lu risÓrio
cr˛ŝka (prob. long.) l'erba novella / lo scalciare, lo sgroppare degli animali da stalla a primavera: Ónno pigliÓto la cr˛ŝka / p. est. la costumanza delle donne che si liberano prematuramente dagli abiti invernali
crugnalýgno (voc. gall. attr. crodio croio) duro, provato alle intemperie e agli affanni
cr¨ro (crudu) crudo, non cotto / riferito al tempo metereologico: týmpocr¨ro = rigido
cr¨ŝki (prob. long.) croste della infiammazione anale degli animali e per le quali diventano irrequieti ed agitati p. est. capricci, ghiribizzi: tŔne li cr¨ŝki qu˛nda cr¨ŝki
cr¨ŝkilo (crusta = crosta attr. il germ. cruska) crostino / pane abbrustolito e cosparso di olio
c¨cchjlo (gr. kystýon-eos) guscio: lu --- ri n˛ce
cucchi˛ra grosso cucchiaio bucato per scolare paste, minestre e simili / p. est. cazzuola: --- ri li frabbicat¨ri / dim. cucchiarŔdda
c¨ccio (gr. kuniklios) coniglio
cucchi˛ro (cochleariu) cucchiaio in genere: --- ri lŔvina, ri fýrro / dim. cucchiarýddo
kuccuu˛scia (gr. kukkubagia) civetta, gufo cucuzz˛ro, chi fornisce o vende cocuzze/ primitivo salvadanaio per conservare semi
cudd˛zzo (collare) collare o collaccio per le bestie da tiro
c¨ffilo (t. cofea = cuffia) foglia sottile che ricopre le pannocchie del granone
cuffiunat¨ra (da cuffia) presa in giro, interessamento ipocrita
k¨fino (gr. kophinos) cofano, cesta robusta di rami di salice e canne spaccate: 'nu --ri pimmar˛re; 'nu --- ri stýro
c¨gno (cuneu), cuneo, zeppa: lu --- ri la zÓppa / dim. cugn¨lo
cugnulusci˛' mettere il cuneo: --- lu zappýddo / rifl: aggiustarsi: mi cugnuluscŔjo, mi cugnulusci˛j / cugnulusci˛to, cognolato / acconciato
cujŔto (quetu) quieto
culat¨ro (colatoriu) colatoio, scolatoio
cul˛' (colare) colare, scolare: --- la cunzŔrva; --- lu br˛ro cu lu colabr˛ro / cul˛to, colato, scolato / colastrÓtto (colare + extrahere) vaglio per la salsa di pomodori
cul˛rda (culo) culaccio o culatta
cul˛ta (da culo') colata / p. est. messa a mollo della biancheria con liscivia fatta di acqua e cenere bollite: li pÓnni a la cul˛ta
cul˛stra (lat. colostro) primo latte denso e giallo della puerpera
cumigliÓ' (voc. dial. attr. cum-operire) coprire: --- la cÓsa / rifl: mi cumm˛glio, mi cumigliÓj / cumigliÓto, coperto
cum˛ (adatt. del fr. commode) mobile a cassetti
cumm˛ra (t. commater) comara / volg. amica, amante / dim. cummarŔdda
cummulzij˛ne (convulsa) convulsione
cummulzýva che ha i caratteri della convulsione: la t˛ssa ---
cump˛re (compater) come cumm˛ra / dim. cumparýddo, compariello / rid. camp˛' o cumpÓ' (per compare)
cump˛sta (da componere) peperoni sott'aceto: pupar¨li a la cump˛sta e cÓrne ri p¨rco
cuncupýna (concubino) donna che convive, spregiudicata
c¨ndo (computu) il conto: lu --- ri lu tavirnÓro / p. est. racconto: lu c¨ndo ri Carnuu˛le
cund˛' dire, raccontare: --- li fÓtti; --- li c¨ndi / c˛ndo, c¨ndi, c˛nda, ecc. / cund˛j o cund˛tti / cund˛to, detto, raccontato
cund˛' (computare) calcolare, numerare: --li j¨rni; --- li s˛ldi / rifl: mi c˛ndo, mi cund˛j cund˛to, contato, numerato
c¨nila  (t. cunula) culla: la --- ri lu crijat¨ro cunn¨tto (conductu) condotto, conduttura
cunul˛' cullare: --- lu piccirýddo / cunul˛to, cullato
cunzŔrva conserva / salsa essiccata al sole e conservata
c¨nzilo consolo, vivande portate da amici e parenti a chi era colpito da lutto: lu --- a mÓmma ca Ŕja m¨rto TÓta
cunzirvÓ' (cum-servare) conservare: --- la v˛cca pi' ri fiche / rifl: mi cunzŔrvo, mi cunzirvÓj / cunzirvÓto, conservato
cunz˛' (v. comptiare) condire: --- la 'nzalÓta fig. ridurre in cattivo stato: --- ri mazzÓte p. est. pulire: --- la minŔstra ri cic˛rija / cunz˛to, condito, pulito
cunzul˛' (cum-solare) consolare: --- ki chiÓnce / --- la zita / rifl: mi cunz˛lo, mi cunzul˛j o cunzul˛tti / cunzul˛to, consolato
cupŔrta (da cooperire) coperta
cupýrchio (cooperculu) coperchio in genere
c¨ppo (coppa) mestolo, grosso cucchiaio / fig. coppa, premio: Óje avuto lu c¨ppo
cuprý' (cooperire) coprire, nascondere: --- lu lýtto; --- la vrih˛gna / rifi: mi c˛pro, mi cuprýtti / cupýrto, coperto
cuprý' (copulare = accoppiare) l'accoppiarsi sessuale degli animali in genere: --- la sciummŔnda; --- la ci¨ccia, ecc.
curc˛' (cum-locare) corcare, coricare: --lu figli¨lo / rifl: mi c˛rco, mi curc˛j / curc˛to, corcato, coricato
curd˛ne (accr. di c˛rda) cordone
k¨rjo (gr. korion) cuoio, pelle / p. est. la vita / detto: pŔrde' cÓrne e k¨rjo
curl¨so collerico, stizzoso
curnicýddo (dim. di cornu) cornetto contro il malocchio (V. malocchio) / p. est. peperoncino a forma di cornetto
c¨rpo (corpore) corpo in genere / defecare: sci' ri --- / dolori ventrali: ril¨ri ri --- / buontempone: --- ri bondýmpo / dim. curpicýddo, corpicino
curtýglia (da cohorte) il letame delle pecore negli stazzi o recinti
currŔro (cum-redare) corredo: lu currŔro a dýci (dieci) / altrettanti capi di biancheria e di vestiario
currŔscia (v. corrigia) cinghia di cuoio / currisciÓta, colpo di cinghia
cusit˛re (da cosire = cucire) chi cuce, sarto
c¨sti (voc. pre-rom.) abitudine, assuefazione / come nella loc. : ha fatto i calli =Óve fÓtto li c¨sti
cutic˛ne (accr. di c˛tica) duro, testardo, zotico
cutrýllo (fr. cuotre e cutil) coltre, coperta imbottita
cutt˛ne (ar. cutun) cotone: ru --- ri lu cusit˛re
cutul˛' (voc. pre-rom.) scuotere, agitare: --- la cÓpa; --- la frÓsca / p. est. cullare, fare oscillare: --- la c¨nila / cutul˛to, scosso, cullato
cutuluj˛' come cutul˛'
c¨zzo (masch. di c˛zza) testa / capo di attrezzi con testa e punta: lu --- ri l'accŔtta; lu --- ri la zÓppa

By www.vallata.org ę 2004 All Rights Reserved
__________________________________________

Pagina Precedente Home