Vocabolario Vallatese - Italiano

Il Piccolo Dizionario
"Vallatese - Italiano"

Le parole, termini e locuzioni sono tratti dal libro di Domenico Maria Cicchetti "un'isola nel mare dei dialetti meridionali"

fÓglia (fr. faille) affetto, amore: la --- pi' li figli
fah˛tto (voc. pre-rom.) fagotto: 'nu --- ri pÓnni
falamýzzo (var. di fal˛ppa) erbaccia secca, sterpaglia
fÓlice (falce) falce / dim. falicŔcchia / accr. falici˛ne
fal˛ppa (gr. fagÓs) erba alta e secca / p. est. appetito / loc. spr. l'¨cchj 'nd˛ la fal˛ppa
fandasýja (gr. phantasýa) fantasia
fanfarr˛ne (sp. fanfarr˛n) spaccone, smargiasso
fallŔnza (prov. falhauss) mancanza, fallo
fann˛nija (voc. pre-rom.) fandonia
fa˛ne (gr. phan˛s) fal˛: lu --- ri SÓnd'And¨no / detto: lu fa˛ne ri Mundilij˛ne 'ncýmm'appýccia e s˛tta n˛ (ne)
farcÓta (falcatu) falciata: 'na --- ri hrÓno; 'na --- ri fino
farc˛ne (falcone) falcone / dim. farcunŔtto fardŔlla (germ. falt) l'imbottitura sotto il basto o la sella
fardýllo (ar. fard) fardello / loc. fÓtti lu --- e vattýnne
farfarýddo (voc. pre-rom.) persona da poco ma che si ritiene pi¨
farf¨glie (voc. onom.) trucioli
faricýddo (da farre) gragnuola, grano di grandine
farritýddo farina ricavata da varie graminacee / per i maiali
fascŔdda (fiscella) fascella: 'na --- pi' la ric˛tta
fascýna (fascina) fascina, fascio di legna minuta: 'na --- ri frÓsche sŔcche
fÓscio Ś lu f˛scio Ś (fasce) fascio / dim. fascitýddo / fig. gioco: a strŔnge' fascitýddo
fas˛lo Ś pl. fas¨li Ś (gr. fkdŔlos) fagiolo, fagioli / fig. soldi
fÓssa (fascia) fascia con la quale si avvolgevano interamente i neonati: 'nu crijat¨ro 'nd˛ la fÓssa
fassat¨ro il panno, la benda nelle quali si fasciava il neonato
fastýrjo (fastidiu) fastidio / fastirij¨so, fastidioso
fatýha (v. fatiga) sforzo fisico, fatica
fatihÓ' (v. fatigare) faticare, lavorare: --- f˛re tŔrra / rifl: mi fatýho, mi fatihÓj o fatihÓtti / fatihÓto, faticato, lavorato
fatihÓta l'atto e l'effetto di fatihÓ'
fatihat˛re chi fatica molto, lavoratore instancabile
fattucchi˛re (factu-fatu) fattucchiere
fatt¨ra (factura) stregoneria, maleficio: --- m'Óje fatto
fav¨ddi (dim. di faba = fava) favucce
fÓvila (fabula) favola / cosa non vera: Ŕja ''na fÓvila
favurý' (da favor-oris) favorire, invitare: --- cu' n¨je / rifl: mi favurýscio / favurýto, favorito, invitato / preferito
fazzat˛ra (prob. da fasciare-avvolgere) parte della madia ove si impastava e si metteva a lievitare il pane avvolto in panni di lana / p. est. specie di vasca di legno ove con l'acqua bollente si pulisce dalle setole il maiale appena scannato
fazz¨letto (faciolu) fazzoletto
fŔchito (rid. di iecurficatu) fegato: lu m˛le ri fŔchito
fŔdda (prob. da offa = focaccia) quindi offetta, fetta in genere: 'na fŔdda ri pane; 'na --- ri pris¨tto
fŔra (feria) fiera, mercato: la fŔra ri SÓndu Výto / p. est. chiasso, strepito
fŔrmo (firmu) fermo, forte: Ŕ 'n'˛mmine fŔrmo, di carattere / doppio, robusto: 'na mÓzza fŔrma; 'nu bast˛ne fŔrmo
fŔrpa (fr. ferpe) felpa, velluto: 'nu caliz˛ne ri fŔrpa
fŔrza (voc. pre-rom.) striscia di tela e simili che cucita alle altre forma tuniche, camici, tende e lenzuola
fŔsso (voc. mer.) persona sciocca, imbecille
fŔte' (flatu = fetere) puzzare, mandar fetore / loc. fŔte' cu' li baffi / fŔte, manda puzzo, sprigiona fetore
fýca (t. fica) fica, fico: la fica vignar˛la (frutto e pianta) / fichisŔcca
fidd˛ne (gr. foleos) rifugio, ricovero / fig. letto: jÓmm'a fidd˛ne
fýffa (voc. pre-rom.) fifa, paura: li pigliÓve la fýffa
fih¨ra (figura) immagine: la --- ri SÓnd'And˛nijo / fig. parvenza, apparenza: fÓ' bŔlla ---- / ke --- ca fÓj
fih¨riti figurati: --- si nu' ru dico
fijÓsca (germ. flaska) sorta di fiasco di legno / botticino mobile per vino / dim. fijaschŔdda
filÓ' (filare) filare: --- la lÓna / p. est. correre, scorrere: --- c¨m'a 'na giannŔtta; --- c¨m'a l'¨glio / rifl. defilarsi: mi la filo, mi la filÓj o filÓtti / filÓto, corso, defilato
filÓro (da filu) filare, una fila di qualcosa
filÓti nervi tesi, preoccupazioni: tŔne li --/ fÓ' passÓ' li ---
fýlici (filici) felci / detto: vÓje truv˛ýlne a Cristo 'and˛ li ----
filýscine (fuligine) fuliggine
finimýndi (da finire) finimenti, bardature: li --- ri lu cavÓddo
firÓ' (fidere) essere sicuro delle proprie forze, avere la forza di fare qualcosa / rifi: mi fýro, mi firÓj ri sci' / firÓto, avuto la forza, fidato
firŔle (fidele) fedele / nome: FrŔle = Fedele
firmÓglio (v. firmaculu) fermaglio: lu --- ri lu b¨sto
firný' (finire) finire: --- ri fatihÓ'; --- ri candÓ '/ rifl: mi firnýsco, mi firnýtti / firn¨to, finito, smesso / detto: Óje firn¨to ri mŔte'e ri scugn˛'
firrÓ' (ferru) mettere i ferri agli zoccoli degli animali: --- lu ci¨ccio; --- re vŔstije / firrÓto, ferrato
firrÓ' ghiacciare: fŔce --- l'Ócqua / firrÓto, ghiacciato / V. sfirrÓ'
firrÓro (ferrariu) fabbro-ferraio: mÓst'And˛nijo lu firrÓro
firrŔtto (da ferru) ferretto, fermaglio di ferro per vari usi: lu --- pi' la cÓpa; lu --- pi' re cÓlze / p. est. dispetto, malignitÓ / fig. li facýtti 'nu firrŔtto
firrittÓ' mettere il ferretto / p. est. colpire, ferire / firrittÓto, colpito, ferito
fýrro (ferru) ferro in genere / firri: li --- ri lu mistýro; li --- ri la'nfirrijÓta; li --- pi' la mÓglia
fýto (flatu) soffio dell'ano / poca cosa: Ó' fÓtto lu fýto
fýtto (v. fictu) fitto / stare fermo: stÓtti fýtto; nun zi stÓje --- / p. est. folto: fýtto fýtto = fittissimo
fit¨so abietto, turpe; infame / fitŔnde, che puzza, puzzolente
fisýna (voc. pre-rom.) grosso recipiente di terracotta a forma di giara (ar. giarra) usata per olio e sottaceti: 'na fisýna ri pipar¨li a l'acýto
flissi˛ne (da flere) infiammazione lacrimosa e cisposa della congiuntiva / congiuntivite
fl˛scio (sp. flojo) moscio, flaccido
f˛ca (da fauce) stretta alla gola, cappio: m˛' ti mŔtto la ----
f˛ja (da furia) eccitazione sessuale, smania: tŔne la f˛ja
f˛nne' (fundere) fondere, gocciolare: --- la v˛tta; --- lu varrýle / funn¨to, fuso, gocciolato
f˛rca (furca) forca / attrezzo a due o tre corni per rimuovere e raccogliere foraggio, grano, paglia e simili / accr. furc˛ne / dim. furcýddo
f˛re (fora) fuori, esterno / p. est. campagna: Ŕ sci¨to f˛re / ýssi f˛re, esci fuori / cacciÓ' f˛re / a ru f˛re mýjo
f˛rgia (fr. forge) fornello, fucina del fabbro / p. est. la bottega del fabbro: la f˛rgia ri mÓsti'Giuu˛nni
f˛ri-tÚrra (f˛re-tÚrra) fuori dalla terra, fuori residenza
frabbicÓ' (fabricare) fabbricare: --- la cÓsa; --- la massarýja / rifi: mi frÓbbico, mi frabbicÓj l frabbicÓto, fabbricato
frabbicat˛re o fravicat˛re fabbricatore, muratore
frahassÓ' (frictare = sfregare) sfregare e rendere compatta la malta dell'intonaco col frattazzo / rifi: fracassarsi, rompersi: mi frahassŔjo, mi frahassÓj o frahassÓtti / frahassÓto, sfregato
frahÓsso frattazzo: lu --- pi' frahassÓ' frahÓsso (quassare) rumore violento ed assordante
frÓsca (voc. pre-rom.) ramo fronduto: 'na --- r'¨rmo
frascaj˛la abitatrice di luoghi ricchi d'alberi frondosi
frascarýddi (dim. di frÓsca) farina appena impastata, sfregata e gettata a pioggia nell'acqua bollente / specie di semolino
frasciÓ' (voc. pre-rom.) abortire: fŔce --la vÓcca / frasciÓto, abortito
frÓte  Ś lu fr˛te Ś (fratre) fratello / tronc: frati' / fig. doppio, pari
frÓvilo Ś lu fr˛vilo Ś (prov. flaut) flauto
frŔchila (da fricare) briciola prodotta dal fregare il pane, sbriciolarlo: la --- ri pÓne p. est. piccola quantitÓ: 'na --- ri pizza; 'na --- ri týmpo / trijddi cu' la frŔchila
frŔva (febre) febbre: 'na --- ra cavÓddo la - manciarŔdda
frýchilo (masch. di frŔchila) piccolo pezzo di qualcosa / dim. friculýcchio = piccolissimo: 'nu --- ri bŔne
frinisýja (phrenesia) frenesia
friŝkÓ' (germ. frisk) fischiare: --- re pŔchire / friŝkÓto, fischiato
frýsce' (frigere) friggere: --- 'nd˛ l'¨glio / fig. mandare al diavolo, alla malora: va ti fÓ' frýsce' / rifl: rodersi dalla rabbia: mi frýsce l'Ónima / lfrisci¨to, fritto
friŝkŔtto fischietto
frýŝko fischio / fresco, ombra / vezz. friŝkŔtto, freschetto
frisicar¨lo (frisiu-casu = fregio caduto) chi non sta pi¨ ai patti, chi non mantiene la parola data / litighino
frýsilo (frusticellu) fiscello, minuzzolo frýso (frisiu) fregio, grado
friss˛la (da frýsce') padella col manico lungo ove friggere cibi / dim. frissulýddo / p. est. la carne del maiale appena ucciso fritta con i peperoni sott'aceto per assaggio ai partecipanti e agli invitati al rito dell'uccisione.
frýttila  (da ferire) ferita, lacerazione della carne / p. est. pezzetto residuo dello scioglimento in sugna delle parti grasse del maiale la pýzza cu' re frýttile
fr˛nna (fronde) foglia: 'na --- ri vasilic˛ja
frundýccia (da fronte) cardine a fronte dello stipite e dell'anta di porte, finestre e simili
fr¨scio (voc. onom.) fruscýo, rumore, mormoria delle cose: lu ---- ri l'Ócqua / fig. venticello / p. est. allegria, festa: lu --- ri la zita / li fr¨sci ri NatÓle
fr¨scio (frutice) pungitopo / fig. quattro carte da gioco dello stesso colore
frustýro (prov. forestier) forestiero
fucŔtila (da fugere attr. fringuillu) che fugge, fringuello
f¨co (focu) fuoco: ru --- ri SÓnd'And˛nijo
fuc˛' (fucare) fuocare, bruciare una ferita: --- la p¨stila / rifl: mi f˛co, mi fuc˛j o fuc˛tti /fig. infocarsi: mi f˛ca la cÓpa / fuc˛to, bruciato
fuc˛tico imposta che gravava sul capo famiglia, sul focolare
f¨ffa (voc. pre-rom.) tigna / fig. rabbia, stizza: l'Ŕ 'nfuc˛ta la ---; si mi v˛lita la ---
fuff¨so chi ha o a chi viene la f¨ffa
f¨ngi (fungu) funghi: li f¨ngi ri chi¨ppo
f¨nnico (ar. fundug) fondaco, magazzino lu --- ri lu principÓle
funnýllo fondello: lu --- ri caliz¨ni / culo
f¨nno (fundu) fondo: lu --- ri la v˛tta / fig. fortuna: tŔne lu ---
furcŔdda (furcilla) lungo ramo biforcuto per riportare in pristino il sacco e il materasso delletto
furcýna forchetta in genere / ramo robusto o trave a guisa di Y usato per sostegno: la furcýna ri lu pagliÓro
furcinÓta forchettata / fig. poca pasta o minestra: 'na furcinÓta ri maccar¨ni
furc˛ta (da furca) colpo di forca / quantitÓ sollevata o portata con una forca: 'na --- ri fýno
furŔse (forense) campagnolo, contadino
furŔstico (da f˛re) forestico, selvatico
furlýro chi furla, chi fa emettere da qual cosa quel suono prodotto dall'aria che si fende
f¨rlo suono acuto e prolungato prodotto da cosa che fende l'aria / suono prodotto da una castagna piatta fatta girare velocemente su se stessa ed in senso verticale per mezzo di fili ritorti azionati a guisa di molle
furl˛' (voc. pre-rom. attr. frullare) girare velocemente, far emettere suono fendendo l'aria: --- 'na prŔta; --- lu ruzzýddo (trottola); --- c¨m'a 'na saŔtta / furl˛to, girato
furmŔchilo  Ś pl. furmýchili Ś (formica) formica
furmŔlla (t. formella) bottone
furnaciÓro fornaciaio: mastruMýnico furnaciÓro
furn˛ce (fornace) fornace / dim. furnacŔlla
furr˛scina (borragine) pianta erbacea medicinale per l'ingrasso degli animali erbivori / supposto mangime delle persone grasse (notare la "f"' etrusca al posto della "b" del lat. medioevale)
f¨so (fusu) asticella di legno panciuta al centro ed assottigliata alle estremitÓ su cui si avvolge il filato / detto: f¨so e r˛cca fÓnno la fŔmmina ricca
f¨sso (fossa) fosso / femm. f˛ssa
f¨sce' (fugere) fuggire: --- 'nnÓnzi; --- apprýsso / fusci¨to, fuggito, scappato / fig. gli innamorati che si involano: si ni so' fusci¨ti

By www.vallata.org ę 2004 All Rights Reserved
__________________________________________

Pagina Precedente Home